[Seite 227↓]

Anhang


[Seite 228↓]

[Seite i↓]Übersichtskarte der drei italienischen Landesteile

Entwurf und Kartographie: H. Jahnke 2004.

[Seite ii↓]Übersichtskarte der italienischen Regionen

Entwurf und Kartographie: H. Jahnke 2004.

[Seite iii↓]Übersichtskarte der italienischen Provinzen

Entwurf und Kartographie: H. Jahnke 2004.

[Seite iv↓]Übersichtskarte der italienischen Universitätsstandorte

Entwurf und Kartographie: H. Jahnke 2004.

[Seite v↓]Pressespiegel zur “fuga di cervelli” aus dem Mezzogiorno

[Seite vi↓]Liste der interviewten Absolventen

Person

Ort

m/f

Alter

Familienstatus

Laurea-Jahr

Uni

Typ

Datum

1

Messina

m

30

verheiratet

1997

Messina

Wirtschaft

21. Apr 99

2

Raccuia (ME)

m

32

verheiratet

2000

Messina

Wirtschaft

21. Apr 99

3

Sant’Angelo (ME)

m

29

ledig

1999

Messina

Jura

21. Apr 99

4

Messina

m

36

verheiratet

1993

Messina

Politikwissenschaft

22. Apr 99

5

Messina

m

40

verheiratet

1986

Messina

Politikwissenschaft

22. Apr 99

6

Troina (CT)

m

35

ledig

1993

Catania

Wirtschaftswissenschaft

26. Apr 99

7

Monterosso Almo (RG)

f

30

ledig

1995

Catania

Philosophie

27. Apr 99

8

Milena (AG)

m

29

ledig

1999

Palermo

Agrarwissenschaft

29. Apr 99

9

Milena (AG)

m

31

ledig

1998

Palermo

Literaturwissenschaft

29. Apr 99

10

Petralia Soprana (PA)

f

37

ledig

1997

Palermo

Psychologie

17. Apr 00

11

Palermo

f

28

ledig

1996

Palermo

Jura

18. Apr 00

12

Palermo

m

28

ledig

1997

Palermo

Philosophie

18. Apr 00

13

Caccamo (PA)

m

38

verheiratet

1991

Palermo

Agrarwissenschaft

20. Apr 00

14

Caccamo (PA)

f

25

ledig

1999

Palermo

Geologie

20. Apr 00

15

Caccamo (PA)

m

29

verheiratet

1994

Palermo

Mathematik

20. Apr 00

16

Castellammare (TP)

f

28

ledig

1998

Palermo

Ingenieurswissenschaft

20. Apr 00

17

Palermo

f

28

ledig

1996

Palermo

Literaturwissenschaft

25. Apr 00

18

Palermo

m

34

verheiratet

1988

Milano

Theologie

25. Apr 00

19

Salemi (TP)

m

31

verheiratet

1995

Palermo

Wirtschaftswissenschaft

26. Apr 00

20

Santa Ninfa (TP)

f

26

ledig

1999

Palermo

Jura

26. Apr 00

21

Santa Ninfa (TP)

f

26

ledig

1998

Palermo

Sprachen

26. Apr 00

22

Castelvetrano (TP)

f

32

ledig

1995

Palermo

Erziehungswissenschaften

26. Apr 00

23

Castelvetrano (TP)

f

31

verheiratet

1997

Palermo

Pädagogik

26. Apr 00

24

Castelvetrano (TP)

f

29

ledig

1993

Palermo

Pädagogik

26. Apr 00

25

Castelvetrano (TP)

f

30

verheiratet

1991

Palermo

Jura

26. Apr 00

26

Castelvetrano (TP)

f

30

ledig

1993

Palermo

Politikwissenschaft

26. Apr 00

27

Bivona (PA)

m

28

ledig

1997

Palermo

Wirtschaftswissenschaft

27. Apr 00

28

Bivona (PA)

f

31

verheiratet

1995

Palermo

Wirtschaftswissenschaft

27. Apr 00

29

Montallegro (AG)

f

26

ledig

1998

Palermo

Jura

27. Apr 00

30

Montallegro (AG)

m

30

verheiratet

1997

Palermo

Politikwissenschaft

27. Apr 00

31

Cattolica Eraclea (AG)

m

28

ledig

1998

Palermo

Architektur

28. Apr 00

32

Santo Stefano (PA)

f

33

ledig

1995

Palermo

Ingenieurswissenschaft

28. Apr 00

33

Santo Stefano (PA)

f

31

ledig

1996

Palermo

Biologie

28. Apr 00

34

Palermo

m

32

ledig

1992

Palermo

Agrarwissenschaft

29. Apr 00

35

Palermo

m

31

ledig

1993

Palermo

Jura

30. Apr 00

36

Gibellina (TP)

m

33

verheiratet

1993

Rom (Luiss)

Jura

01. Mai 00

Zusammenstellung H. Jahnke 2004

[Seite vii↓]Liste der interviewten Experten


[Seite viii↓]

Name

Funktion

Datum

Ort

Carmelo Coleandro

Informatore del CID, Ufficio per i disoccupati alla Camera del lavoro

Via Crociferi, Catania

6. April 1999

Catania

Tuccio Cuttugno

Segretaria Provinciale della CGIL (Confederazione Generale Italiana del Lavoro), Catania

Via Crociferi, Catania

7. April 1999

Catania

Dott.ssa Laura Mammana

Ufficio Statistico e Programmazione dell'Università di Catania

7. April 1999

Catania

Dott.ssa Francesca Vercì

Ufficio Statistico e Programmazione dell'Università di Catania

7. April 1999

Catania

Anonymus

Assessorato regionale : Lavoro, previdenza sociale, formazione professionale ed emigrazione

Via Pernice, 5 – Palermo

9. April 1999

Palermo

Roberto Foderà

ISTAT Palermo, Via Empedocle Restivo, 102 - 90144 Palermo

9. April 1999

Palermo

Dott. Badami

Euroconsigliere del Progetto EURES (European Employment Service) presso

Agenzia regionale per l'impiego

Via Imperatore Federico, 52

Palermo

12. April 1999

Palermo

Angelo Meli

Giornale di Sicilia

12. April 1999

Palermo

Anonymus

Regione Siciliana: Direzione regionale per la Programmazione

13. April 1999

Palermo

Anonymus

Regione Siciliana: Direzione Regionale per i rapporti extraregionali

13. April 1999

Palermo

Anonymus

Fondazione Angelo Curella

19. April 1999

Palermo

Patrizia Lovescovo

Uffico Delle Relazioni Internazionali dell'Università di Palermo

Palazzo Steri

19. April 1999

Palermo

Dott. Giovanni Catalano

Confindustria, Ufficio rapporti economici

Via E. Amari, 11 - 90139 Palermo

13. April 1999

Palermo

Signor Giovanni Pollina

Azienda regionale per l'impiego - Sezione lavoro

Via Imperatore Federico, 51

90144 Palermo

23. April 1999

Palermo

Signora Valguernera

Assessorato al lavoro

Via Pernice 5, Palermo

13. April 1999

Palermo

Prof. Vincenzo Guarrasi

Istituto delle Scienze antropologiche e geografiche

Università di Palermo

14. April 1999

Palermo

Fabio Giambrone

Segretario del Sindaco Leoluca Orlando

Palazzo delle Aquile

Palermo

15. April 1999

Palermo

Arch. Baldassare di Dia

Assessorato regionale per il lavoro

Via Imperatore Federico , 51

Palermo

15. April 1999

Palermo

Dott. Aiello

Assessorato regionale per il lavoro

Via Imperatore Federico , 51

Palermo

15. April 1999

Palermo

Angela Antinoro

Sportello unico per le Attivita Produttive

Assessorato Attività Produttive

Via Ugo La Malfa, 34

90146 Palermo

16. April 1999

Palermo

Dott. Rione

Azienda per l'impiego,

16. April 1999

Palermo

Anonymus

Tourismus-Büro über die Stadt Messina und deren Umgebung

19. April 1999

Messina

Dott. Giuseppe Mannino

Centro di Calcolo

Università di Messina

19. April 1999

Messina

Dott.ssa Elvira Larocca

Uffico Relazioni Internazionali e Scambi Culturali

Università di Messina

19. April 1999

Messina

Dott. Domenico Romano

Capo ufficio

Ex-ufficio di collocamento del Comune di Messina, heute Agenzia per l'impiego, Piazza Casa Pia, Messina

19. April 1999

Messina

Anonymus

Assessore per lo sviluppo economico

Comune di Messina – Assessorato allo sviluppo economico

20. April 1999

Messina

Anonyma

Ufficio Europa

Comune di Messina - Assessorato allo sviluppo economico

20. April 1999

Messina

Concetta Bruno

Informagiovani Messina

Informazioni per l'Estero: Sportello EURES

21. April 1999

Messina

Marilena Sardella

Rete Civica di Messina

Informagiovani Messina

Informazioni per l'Estero: Sportello EURES

21. April 1999

Messina

Valentina Cocco

Centro di calcolo

Università di Catania

22. April 1999

Catania

Anonymus

Ufficio per le relazioni pubbliche

Comune di Catania

22. April 1999

Catania

Dott. Cassone

ufficio di collocamento di Siracusa

23. April 1999

Siracusa

Signora Sessa

Ufficio Provinciale Lavoro

Via Necropoli Grotticelle 30

23. April 1999

Siracusa

Anonymus

Centro Informagiovani Siracusa

23. April 1999

Siracusa

Antonino Catania

Vice presidente della biblioteca comunale di Bronte

Ex-Informagiovani

26. April 1999

Bronte

Anonymus

ufficio di collocamento Bronte

26. April 1999

Bronte

Carmelo Conticello

Schulberater

Preside della scuola superiore di Regalbuto,

Ex-Preside della scuola superiore di Troina

26. April 1999

Troina

Emanuele Dipasquale

Vice Sindaco di Ragusa

27. April 1999

Ragusa

Dott. Saladino

A.S.I. (Associazione delle Industrie)

27. April 1999

Ragusa

Anonymus

Informagiovani

Ufficio per le relazioni pubbliche del Comune di Agrigento

28. April 1999

Agrigento

Dottssa Ferrante

Responsabile del Assesorato provinciale del lavoro

28. April 1999

Agrigento

Dott. X

Assessorato per lo sviluppo economico

Responsabile della banca dati

28. April 1999

Agrigento

Dott. Mossuto

Unione industriale della provincia di Agrigento

29. April 1999

Agrigento

Dssa Martinico

Ufficio provinciale del lavoro – Trapani

30. April 1999

Trapani

Dott. Guarnotto

Vice-direttore

Ufficio provinciale del lavoro – Trapani

30. April 1999

Trapani

Gaetano Mellia

Provincia regionale di Enna

4. Mai 1999

Enna

Sindaco di Gibellina

„Nuova generazione“

27. April 2000

Gibellina

Dott. Nino Borruso

Freier Rechtsanwalt

Berater von Leoluca Orlando

27.März 2001

Palermo

Zusammenstellung H. Jahnke 2004.

[Seite ix↓]Tabelle: Beschäftigungsentwicklung in Italien 1995 bis 2001

Beschäftigte

1995

1996

1997

1998

1999

2000

2001

Differenz 95-01

(in %)

Italien

20.025.976

20.125.080

20.207.323

20.435.218

20.691.620

21.079.775

21.514.420

+ 1.488.444

(+7,4%)

Männer

13.019.264

13.003.285

13.015.282

13.089.972

13.158.375

13.315.959

13.454.807

+ 435.543

(+3,3%)

Frauen

7.006.712

7.121.795

7.192.040

7.345.246

7.533.244

7.763.816

8.059.613

+ 1.052.901

(+15,0%)

Norditalien

10.300.908

10.390.145

10.431.434

10.524.248

10.704.443

10.906.807

11.090.129

+ 789.221

(+7,7%)

Mittelitalien

4.029.507

4.046.698

4.060.677

4.095.061

4.172.042

4.254.549

4.344.906

+ 315.399

(+7,8%)

Mezzogiorno

5.695.561

5.688.236

5.715.210

5.815.909

5.815.133

5.918.420

6.079.386

+ 383.825

(+6,7%)

          

Arbeitslose

1995

1996

1997

1998

1999

2000

2001

Differenz 95-01

(in %)

Italien

2.637.798

2.653.326

2.688.015

2.744.524

2.669.331

2.494.928

2.266.921

- 370.877

(-14,1%)

Männer

1.279.875

1.286.188

1.294.193

1.313.123

1.265.724

1.179.019

1.065.801

- 214.074

(-16,7%)

Frauen

1.357.925

1.367.140

1.393.821

1.431.401

1.403.607

1.315.909

1.201.122

- 156.803

(-11,5%)

Norditalien

729.768

714.117

706.002

679.294

611.154

535.048

462.900

- 266.868

(-36,6%)

Mittelitalien

450.298

444.158

438.832

431.365

421.919

383.690

348.100

- 102.198

(-22,7%)

Mezzogiorno

1.457.733

1.495.052

1.543.180

1.633.863

1.636.258

1.576.191

1.455.920

- 1.813

(-0,1%)

          

Erwerbspersonen

1995

1996

1997

1998

1999

2000

2001

Differenz 95-01

(in %)

Italien

22.663.774

22.778.407

22.895.337

23.179.741

23.360.950

23.574.704

23.781.341

+ 1.117.567

(+4,9%)

Männer

14.299.138

14.289.472

14.309.475

14.403.095

14.424.099

14.494.979

14.520.607

+ 221.469

(+1,5%)

Frauen

8.364.636

8.488.935

8.585.862

8.776.646

8.936.851

9.079.725

9.260.734

+ 896.098

(+10,7%)

Norditalien

11.030.676

11.104.262

11.137.437

11.203.541

11.315.598

11.441.854

11.553.030

+ 522.354

(+4,7%)

Mittelitalien

4.479.804

4.490.856

4.499.509

4.526.427

4.593.961

4.638.239

4.693.006

+ 213.202

(+4,8%)

Mezzogiorno

7.153.294

7.183.289

7.258.390

7.449.772

7.451.390

7.494.611

7.535.306

+ 382.012

(+5,3%)

[Seite x↓]Tabelle: Entwicklung der Akademikerzahlen 1993 bis 1999

Region

Akademiker 1993

In Prozent der Bevölkerung

Akademiker 1999

In Prozent der Bevölkerung

Differenz

1993-99

In Prozent

Piemonte

152.188

3,6%

221.992

5,2%

69,804

+ 45,9%

Valle d'Aosta

3.447

3,0%

5.591

4,7%

2,144

+ 62,2%

Lombardia

394.282

4,5%

558.805

6,2%

164,523

+ 41,7%

Trentino-Alto Adige

29.377

3,3%

42.231

4,6%

12,854

+ 43,8%

Bolzano-Bozen

11.851

2,7%

19.926

4,4%

8,075

+ 68,1%

Trento

17.526

3,9%

22.305

4,8%

4,779

+ 27,3%

Veneto

144.652

3,3%

235,02

5,3%

90,368

+ 62,5%

Friuli-Venezia Giulia

43.915

3,7%

64,261

5,5%

20,346

+ 46,3%

Liguria

78.071

4,7%

102,98

6,4%

24,909

+ 31,9%

Emilia-Romagna

171.482

4,4%

252,162

6,4%

80,680

+ 47,0%

Toscana

141.874

4,1%

192,734

5,5%

50,860

+ 35,8%

Umbria

35.774

4,4%

49,741

6,0%

13,967

+ 39,0%

Marche

62.559

4,4%

87,539

6,1%

24,980

+ 39,9%

Lazio

340.706

6,7%

420,327

8,1%

79,621

+ 23,4%

Abruzzen

50.272

4,0%

67,762

5,3%

17,490

+ 34,8%

Molise

12.841

3,9%

17,072

5,2%

4,231

+ 32,9%

Kampanien

229.755

4,1%

293,443

5,1%

63,688

+ 27,7%

Apulien

143.207

3,6%

188,268

4,6%

45,061

+ 31,5%

Basilicata

15.169

2,5%

23,52

3,9%

8,351

+ 55,1%

Calabria

77.536

3,8%

104,364

5,1%

26,828

+ 34,6%

Sicilia

195.872

3,9%

265,691

5,2%

69,819

+ 35,6%

Sardegna

51.791

3,2%

73,715

4,5%

21,924

+ 42,3%

ITALIEN

2374.769

4,2%

3267,22

5,7%

892,451

+ 37,6%

Nord

1017.414

4,1%

1483,042

5,9%

465,628

+ 45,8%

Centro

580.913

5,4%

750,342

6,8%

169,429

+ 29,2%

Mezzogiorno

776.442

3,8%

1033,835

5,0%

257,393

+ 33,2%

Datenquelle: ISTAT – Forze di lavoro Media 1993, 1999; Berechnung H. Jahnke 2004.

[Seite xi↓]Tabelle: Standorte der sizilianischen Universitäten 2000

Universität

Standort

Fakultät

Laurea-Studiengang(C.L.)/

Diploma-Studiengang (D.U.)

Studierende 1999/2000

Studien-anfänger 1999/2000

Università di Catania

Caltagirone

Agraria

D.U. Produzioni vegetali

60

26

Università di Catania

Caltagirone

Economia

D.U. Economia e gestione dei servizi turistici

91

30

Università di Catania

Caltanissetta

Scienze politiche

C.L. Relazioni pubbliche

860

409

Università di Catania

Enna

Ingegneria

C.L. Ingegneria per l’ambiente e per il territorio

145

79

Università di Catania

Giarre

Lettere e Filosofia

D.U. Traduttori e interpreti

74

35

Università di Catania

Giarre

(ab 1998)

Agraria

D.U. Produzioni vegetali

10

0

Università di Catania

Modica

Agraria

D.U. Produzioni animali

6

0

Università di Catania

Priolo

Ingegneria

D.U. Ingegneria delle infrastrutture

81

0

Università di Catania

Priolo

Ingegneria

D.U. Ingegneria elettrica

36

0

Università di Catania

Priolo

Ingegneria

D.U. Ingegneria elettronica

78

0

Università di Catania

Priolo

Ingegneria

D.U. Ingegneria meccanica

77

0

Università di Catania

Ragusa

Agraria

C.L. Scienze agrarie, tropicali e subtropicali

329

83

Università di Catania

Ragusa

Lingue e Letterature

C.L. Lingue e culture europee

240

228

Università di Catania

Ragusa

Lingue e Letterature

C.L. Studi comparatistici

140

138

Università di Catania

Siracusa

Architettura

C.L. Architettura

390

91

Università di Catania

Siracusa

Scienze Matematiche, Fisiche e naturali

D.U. Chimica

23

8

Università di Messina

Locri (RC)

Scienze politiche

D.U. Servizio sociale

207

38

Università di Messina

Modica

Scienze politiche

D.U. Servizio sociale

37

37

Università di Messina

Reggio Calabria (RC)

Lettere e Filosofia

D.U. Scienze e tecniche dell’interculturalità mediterranea

24

24

Università di Messina

Taormina

Economia

D.U. Economia e gestione dei servizi turistici

neu

0

Università di Palermo

Agrigento

Lettere e Filosofia

C.L. Conservazione dei beni culturali

577

225

Università di Palermo

Agrigento

Lettere e Filosofia

D.U. Operatore dei beni culturali

80

17

Università di Palermo

Agrigento

Giurisprudenza

D.U. Operatore della pubblica amministrazione

neu

0

Università di Palermo

Bivona

Agraria

C.L. Scienze forestali

247

0

Università di Palermo

Bivona

Agraria

C.L. Scienze forestali ed ambientali

261

89

Università di Palermo

Caltanissetta

Medicina e Chirurgia

C.L. Medicina e Chirurgia

93

39

Università di Palermo

Caltanissetta

Ingegneria

D.U. Ingegneria elettrica

54

28

Università di Palermo

Enna

Scienze politiche

C.L. Scienze politiche

294

128

Università di Palermo

Marsala

Agraria

D.U. Viticoltura ed enologia

47

29

Università di Palermo

Partinico

Architettura

C.L. Pianificazione territoriale ed urbanistica

60

31

Università di Palermo

Trapani

Giurisprudenza

C.L. Giurisprudenza

1683

363

Università di Palermo

Trapani

Giurisprudenza

D.U. Relazioni industriali

69

34

Università di Palermo

Trapani

Medicina e Chirurgia

D.U. Ostettrica/o

11

10

Università di Palermo

Trapani

Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

D.U. Biologia

46

21

Datenquelle: MURST (2001): Offerta formativa (www.muir.it); Zusammenstellung H. Jahnke 2004.

[Seite xii↓]Beispielinterview 1

Die Ingenieurswissenschaftlerin L. hat im Jahr 1995 ihren Studienabschluss an der Universität in Palermo erworben. Zum Zeitpunkt des Interviews ist sie 33 Jahre alt und lebt zwischen ihrem Heimatort Santo Stefano di Quisquina (im Süden der Provinz Palermo) und Palermo, wo sie als freie Mitarbeiterin in einem Ingenieurbüro tätig ist.

Im Laufe des Gesprächs sprechen wir zunächst über ihren Ort, über Palermo und die dortigen Universität , bevor sie auf die schlechten Berufsaussichten von Nuklearingenieuren zu sprechen kommt. Sie beklagt die unzureichenden Studienbedingungen in Sizilien, aber auch die vergleichsweise niedrige Professionalität, mit der die meisten privaten Büros in Palermo arbeiten. Gleichwohl schätzt sie die Situation in Norditalien nicht sehr viel besser ein.

Nach ihrem Studienende wollte sie von ihren Eltern unabhängig sein und verdiente sich mit schlecht bezahlten Jobs ihren Lebensunterhalt, um gleichzeitig unbezahlte Praktika machen zu können. Schließlich ist sie zu Verwandten in die USA gegangen, wo sie zwar bessere Berufsaussichten gehabt hätte, mit dem dortigen Leben aber nicht zurecht kam Heute bezeichnet sie das Weggehen als den größten Fehler, den sie begehen konnte, und beobachtet ähnliches bei Ihren Freundinnen und in ihrer Familie.

L. spricht viel über andere junge Hochschulabsolventen, die nach erfolgloser Arbeitssuche in Sizilien schließlich mit Anfang 30 in den Norden gehen, um baldmöglichst über eine Versetzung – beispielsweise im öffentlichen Dienst – wieder in die Heimat zurückkehren zu können. Diesbezüglich ist sie sehr skeptisch, da es aus der Distanz immer schwieriger ist, eine Stelle zu finden.

Trotz ihrer aktuellen Beschäftigung als freie Mitarbeiterin in einem Ingenieurbüro in Palermo hat sie die Möglichkeit, weiterhin arbeitslos gemeldet zu bleiben, um sich in naher Zukunft um eine freie Mitarbeiterstelle in einem Beschäftigungsprogramm bewerben zu können. Den Hinweis auf diese Stelle hat sie über ihre lokalen Netzwerke bekommen, was sie in ihrer Überzeugung bestätigt, dass es ein Fehler ist, aus Sizilien wegzugehen, wenn man eigentlich bleiben möchte.

Mi dicevano che qui a Santo Stefano c’è una realtà molto diversa da Bivona.

C’è una realtà molto diversa?

Nel senso che c’è più imprenditorialità, meno scuole, ecc.

Ma meno scuole perché credo che come paese sia già più tranquillo nel senso che anche non si impegn... cioè anche non so se poi effettivamente dico, non è che ho vissuto molto nella realtà di Santo Stefano, perché sono andata via a diciotto anni, e quindi da diciotto anni a questa parte non è che sono stata qua, non mi sono interessata veramente alla vita del mio paese. Però sì, rispetto a Bivona, vedo che Bivona e più impegnata a mantenere le scuole, a fare, a dire, insomma ne ha create di nuove. Santo Stefano non ne ha. Ora i problemi, che ci stanno dietro non li conosco per carità però fondamentalmente e una realtà che Bivona ha molto più scuole superiori, Santo Stefano ne aveva una ed e rimasta quella. Insomma, basta.

Avete una scuola superiore anche voi?

Magistrale, che formano molti maestri.. e niente poi l’università a Bivona doveva nascere a Santo Stefano. Per problemi logistici e andata a finire a Bivona, e poi insomma, a quanto pare i professori stessi non hanno molto amato questo fatto di trasferirsi a Bivona, di viaggiare e quindi l’hanno fatta richiamare a Palermo.

Ma doveva nascere originalmente qui?

Qui, sì. I locali, li stanno pure aggiustando. Andando verso Bivona, tu vedi, c’è una bella curva che fai.. e di fronte era un.. eh..questa cosa nasceva forse come, non lo so come convento, insomma come qualcosa che ora hanno fatto il finanziamento, stanno pure aggiustando tutto, il prospetto, insomma era carino, dovevano essere questi i locali per l’università. Praticamente non siamo riusciti nemmeno a completargli perché già l’università è andata via.. eh vuoi un caffè, qualcosina?

Prenderei un po’ di acqua volentieri

- PAUSE -

Non è vero, perché stavo dicendo forse che a Santo Stefano ci sono più laureati. In realtà non è vero. Credo che la densità di laureati sia uguale

Ma c’è una densità forte, cioè, se prendiamo dieci giovani nel loro curriculum, quanti arrivano alla fine della scuola superiore secondo te, e quanti continuano all’università, e quanti si laureano alla fine?

Su dieci, numero di dieci? Ma su dieci, che ti posso dire fanno la scuola superiore sicuramente dieci a otto credo vanno tranquillamente alla scuola superiore, perché è l’unica.. anche perché in questi paesi c’è il genitore chi tiene moltissimo che il figlio possa avere un’istruzione superiore. Quindi sono pochi casi ormai di genitori che non considerano importante la scuola, l’istruzione. Quindi un buon otto ragazzi ci vanno sicuramente. All’università è un po’ più difficile perché diventa anche un problema economico, per cui devi uscire fuori, devi fare l’università almeno a Palermo, quindi le spese sono diverse. Gli interessi devono essere pure superiori perché altrimenti insomma un ragazzo non riesce perché da noi l’università – non so se te ne sei accorto, però visto il numero è molto elevato di iscritti anche i professori stanno là a cercare di spazzare un po’ di gente. In ingegneria i primi anni e così. Cioè i professori fanno una bella mazzata perché giustamente... Noi siamo arrivati all’università il primo anno che eravamo mille iscritti.


[Seite xiii↓]

Solo in ingegneria?

Solo in ingegneria tra nucleare e aeronautica e qualche altro indirizzo, quindi eravamo mille. Dopo di che a metà del secondo anno eravamo duecento. Quindi dico, ti rendi conto che insomma.... Ed è gente che poi cambia, non necessariamente si ritira. Semplicemente va in altre facoltà, va in economia e commercio, almeno per i casi in ingegneria, economia e commercio, o fisica, o altre facoltà insomma, dalle […] matematiche insomma queste cose qua. Però su otto, su dieci elementi credo che sui cinquanta percento vanno all’università, e magari poi il cinquanta percento, credo che sicuramente un cinquanta percento arriva alla laurea. Dico per essere.. ma così dico... per.. magari le conoscenze che ho io, i miei amici chi sono andati all’università che bene o male si sono iscritti, hanno superato, alcuni si sono ritirati. Io ho avuto dei colleghi chi si sono ritirati, sono delle persone molto in gamba, cioè sinceramente migliori di me dal punto di vista scolastico. Si sono ritirati perché i professori sono stati abbastanza cattivi. Quindi per una questione di sfortuna, diciamo. E basta poi..

Invece la scelta dell’università è sempre Palermo o ci sono anche..

No, no, negli ultimi tempi.. C‘è sempre stata la scelta Milano, quasi sempre Milano direi. Però negli ultimi tempi e diventata più grossa il numero di studenti che preferisce andare a Milano, qualcuno a Roma, qualcuno a Torino, insomma c’è.. attratti anche credo molto più dal fatto che alla fine dell’università hai più possibilità.

Ma sempre lì, non qui, vero? Le possibilità ci sono..

Al nord, ma anche per i laureati qua, e difficilissimo. Tu devi essere – o già in qualche modo inserito nell’ambiente del lavoro che poi vai a scegliere. Ingegnere allora, se io ho dietro i genitori che già sono infilati nel settore o qualche conoscenza ecco allora è possibile pure che io senza problemi... Io dopo la laurea ho fatto cinque anni di tirocinio vuoto direi perché alla fine cosa succede. A parte del fatto che non c’è una tendenza a migliorarsi io vedo .. io sto per ora, lavoro in uno studio a Palermo, questo studio sta prendendo dei lavori all’andiano, posti vuoti all’andiano. E c’è il confronto tra quello che vogliono gli americani, che richiedono a uno studio come tutto strapolati, come planimetrie come lavoro insomma e il livello ecco, che richiedono, che e ben diverso dal livello che si propone a Palermo. Un esecutivo fatto a Palermo non a niente a che vedere con un esecutivo fatto altrove, sempre dico al Nord d’Italia. C’è sempre qualche studio a Palermo o comunque Sicilia chi ha, cioè insomma è di un buon livello, però sono pochissimi, sono pochissimi e tu non ci vai, dici: voglio fare tirocinio dico che è difficile che ti fanno entrare pero bene o male il giro poi e sempre quello. E quindi tu ti devi accontentare di questi studi che hanno un livello mediocre, non tengono ad avere alti risultati perché il la... se ce l’hanno il lavoro, il lavoro lo fanno, quindi dico, non hanno bisogno di fare altro. E niente quindi non lo so: o ti accontenti di questo o devi pensare di andare veramente fuori. Lo sbaglio unico che si può fare e quello che ho fatto io ed e che ho deciso di andare fuori, non subito dopo la laurea, ma dopo i primi due o tre anni

Aspetta, tu ti sei laureata in che anno?

Novantacinque

Novantacinque, poi avevi la casa a Palermo, con altri studenti?

Si, si con altri studenti, ho vissuto, sono rimasta a Palermo, perché l’idea di venire qua, non mi ha nemmeno sfiorata, perché qua vieni a non fare niente. Eh guarda per esperienza personale tutti quelli che subito dopo la laurea, magari hanno fatto discipline un po’ più ... come dire non ingegneria o medicina che bene o male ti consentono a lavorare ancora, o scienze.. se fanno scienze politiche, giurisprudenza o qualche altra cosa che già ti crea molti più problemi venendo in paese, perché ad un certo punto, se tu non lavori perché da premettere tu non riesci a trovare nemmeno un lavoro di babysitter o qualsiasi lavoro a Palermo, per poter dire: Va bene mi mantengo io. O comunque è difficile, non dico che è impossibile, e difficile per carità: se tu ti metti.. ti devi mettere a cercare.. io l’ho fatto, ho cercato di trovare qualsiasi lavoro per mantenermi a Palermo

Dopo la laurea

Si, dopo la laurea, perché dopo la laurea, o continui ad essere dipendente dai tuoi genitori oppure dici: faccio qualsiasi lavoro e magari mi mantengo. E quindi, niente. Se tu non hai la facoltà di restare, di farti mantenere dei genitori a Palermo, la prima cosa che pensi: e va beh, faccio risparmiare i soldi ai miei e ritorno a casa. Dopo qualche anno... delle mie amiche che hanno fatto questo, sono partite per .. una per Bologna un mese fa, ed e andata a insegnare, un’altra a Milano

laureate in che cosa?

una in farmacia, una in scienze politiche.

La prima in farmacia?

la prima in scienze politiche, e questa di qua non è riuscita a fare niente a Palermo se non la scuola privata. Scuola privata che poi è un altro campo interessantissimo perché tu l’unica cosa che puoi fare subito dopo la laurea senza grossi problemi e la scuola privata, perché ti pagano niente, ti sfruttano penso che meglio di cosi non possono fare e alla fine non ti pagano nemmeno. Cioè quei pochi soldi alla fine te li negano, ti dicono: non ce li abbiamo, te li diamo dopo, quindi alla fine tu sei costretto anche a rinunciare. E quindi niente, dopo queste esperienze che io ho fatto pure – a me l’insegnamento piaceva, io mi sono stancato dell’insegnamento con questa scuola privata

hai fatto pure la scuola privata?

Io ho fatto sì, sia un po’ di scuola pubblica, quando sono andati in Italia i corsi di ricupero per permettere ai ragazzi un po’ indietro di ricuperare, e mi sono trovata anche bene la, e sia i corsi di.. cioè nelle scuole private. Nelle scuola private c’è un’esperienza veramente negativa, che non ho sentito ancora uno.. ci sono veramente che ne parlano bene però è diverso, un’altra situazione. Magari stanno ad aspettare semplicemente l’insegnamento, c’è gente che si è laureata anche in ingegneria - secondo me terribile – che aspetta semplicemente di insegnare. Dico questa e un’altra [Seite xiv↓]realtà poi. E niente, quindi, questa gente è andata via dopo diversi anni, dico ad un’età che ormai.. io ho 32 anni, questa mia amica ne ha 33, quindi a 33 anni decidere di lasciare il posto dove sei nata, sei cresciuta hai fatto tutto per andare a cercare lavoro fuori diventa anche pesante, no, secondo me diventa pesante sicuramente. Diventa pesante se non é quello che esattamente vuoi, cioè tu devi pensare se hai qualcuno, che è costretto ad uscire, è costretto a fare quello che gli viene; cioè la mia amica e uscita, e andata a Bologna, non è andata a fare qualcosa pertinente a scienze politiche, la sua facoltà. E andata a fare l’insegnamento. Che in ogni caso è qualcosa che gli permette di vivere, però fondamentalmente non e quello che vuole. Quindi diventa, se in questo senso dico andare fuori non è mai felice..

ma con l’intenzione di tornare e partita, oppure con l’intenzione veramente di andare lì?

No, no, l’intenzione di lavorare perché... cioè tu non puoi pensare di andare via per andar a lavorare col.. cioè pensando di ritornare. Perché sai che la realtà che lasci è questa. Cioè tu non puoi dire: Ah, tra cinque anni però posso ritornare in paese, cioè puoi ritornare in paese sì, va bene, se diventi miliardaio allora dici: allora io ritorno in paese, perché io non ho bisogno di lavorare.

No, ma c’è il discorso col trasferimento comunque. E più facile ho saputo, non so se è vero, però e più facile chiedere il trasferimento da Bologna in Sicilia che

ma con il tempo..

Si

e puoi dire dipende anche dalle.. si, c’è gente che... C’è una ragazza che ha fatto il magistrale, e sposata con un ragazzo che lavorava qua di fronte e anda... ha un bambino, una bimba – e andata a lavorare a Cuneo

Dov’è Cuneo, scusa?

Cuneo, e il nord, molto al nord. E un paesetto molto alto, una città molto alta, e – che stavo dicendo?

che lei era sposata

...e con una bambina, è salita, lasciando il marito qua... dico che sono dei disaggi a cui vai incontro perché devi lavorare. E quindi è andata via con la bambina, e andata ad affittarsi la casa la ecc. ecc. il marito fa la strada la strada Cuneo-Lucca, che è un paesino qua vicino ogni tanto e lei, proprio con l’intenzione di fare qualche anno a Cuneo sempre e poi farsi trasferire. Però questo dico sempre negli anni. Mi pare che sono almeno tre anni. Quindi non sono.. che tu vai a e dici: Oh, io ora vorrei ritornare a casa.. ci sono tre anni, in cui tu – con una bambina che e piccola, e che sta per crescere, la tieni lontano in ogni caso anche dal genitore. Cioè quando.. ti vedi anche tre volte all’anno perché lui lavora qua fa il veterinario, quindi non può nemmeno abbandonare e andare via. Insomma sono disaggi che in ogni caso pesano.

E quelli che vanno fuori, vanno proprio per i fatti loro, o ci sono legami tramite parenti emigrati ecc. O questo, non c’entra assolutamente?

No, no, penso proprio che questo non c’entra. C’è mia cugina, che studia a Milano, si è laureata a Milano e lavora a Milano, ma ci è andata perché – vah be - suo padre le ha chiesto se voleva andare fuori, Lei ha detto di sì ed è andata fuori, insomma..

da sola?

Si, si è affittata la casa, e poi se l’ha comprata ma dico insomma poi.. no, il legame con il parente, no, non credo.. anzi no, in tutti i casi che conosco io, no, non c’è il legame con qualche parente che ce l’ha e allora: io vado la, perché c’è mio parente. Per il lavoro già è diverso, per il lavoro, perché da studente ci sono ancora i genitori e tu sei ancora disponibile a farti mantenere dai genitori, mentre subito dopo la laurea, già diventa pesante, tu perché la vita media del laureato e sette anni. Quindi, quando tu finisci l’università a ventisette anni ed è normale ventisette anni, poi dipende dalla facoltà ovviamente – a ventisette anni diventa molto pesante pensare che i tuoi genitori ti devono mantenere, ti devono pagare il cinema, ti devono pagare la pizzeria, tutto.. diventa molto pesante. E quindi a quel punto diventa anche molto più difficile ad andare fuori almeno che hai dei genitori solidamente poggiati per cui insomma dicono: va beh, vattene a Milano, vai a vedere, noi ti paghiamo tutto e non hai problemi. Un sacco di persone devono andare fuori con questo appoggio necessario: un amico, un parente, dove tu puoi andare ad abitare i primi due mesi, perché avevo visto che bene o male due mesi ci vogliono per arrivare, girare e trovare lavoro, si. E basta. C’è mio fratello che è andato via a Biella. Allora mio fratello: uno praticamente è andato a Biella subito dopo la laurea ha fatto dei concorsi e ha vinto un concorso

laureato in.?

medicina, ed e andato a Biella, però già il mio fratello non aveva problemi nemmeno qua a lavorare. Cioè Piero quando è andato, il primo giorno, subito dopo la laurea ha lavorato sempre.

E perché se ne andato?

Spirito, credo di avventura, semplicemente, o comunque, non gli piaceva molto come...non è molto bello come va qua da noi, cioè è un po’...se tu hai delle idee, insomma, bene o male qua sei costretto ad accettare molte cose, anche dal punto di vista lavoro. Qua, alcune cose vanno in quel modo, non le cambi, non le puoi cambiare, diventa anche un po’ pesante. E poi niente, lui siccome si è specializzato in pneumonologia e allora qua come pneumonologo c’era ben poco da fare. Allora ha fatto dei concorsi, poi ha vinto questi, insomma una volta che ha vinto, e difficile dire: No, non vado. Anche perché lui, anche per il militare aveva deciso di farlo al nord, ma cosi semplicemente per allontanarsi da qua e a vedere come poteva essere altrove. Quindi, gli era piaciuta la zona e lui è un tipo che si adatta facilmente, gli piace anche vedere cose nuove, stare in posti nuovi. Non vive la nostalgia: O dio, ho lasciato il paese. E quindi e andato là tranquillamente. La moglie, poi si è sposato con una ragazza di Palermo e se n’è andata tranquillamente pure. Con mio fratello a Biella, mio fratello laureato in scienze forestali, la facoltà che c’era a Bivona, qua non faceva niente, si è laureato, per due anni mi pare non ha fatto completamente niente se non scuola privata. [Seite xv↓]A quel punto quindi gli abbiamo detto tutti: ma perché non provi ad andare – perché nel frattempo avevo trovato questo studio, mi trovavo bene, insomma, bene o male si fa qua; tra qualche incarico con il comune e dei lavori privati insomma, un ingegnere ancora lavora. E Franco, niente, tutti gli abbiamo detto: vattene fuori, vattene fuori perché qui non fai niente e insomma se n’è andato a Biella da mio fratello, per due mesi, ha cominciato a lavorare, ha fatto diversi lavori: in un magazzino, al deposito, poi in una scuola, in segreteria, insomma alla fine praticamente a cominciato a fare l’insegnamento però nel frattempo..

Ma i primi lavori non erano al livello da laureato

No completamente, no lui si è portato una residenza là perché se mantieni, se te ne vai al nord in ogni caso mantieni la residenza qua, in ogni caso non fa niente. Perché loro sono stati molto chiari con mio fratello, con altri ragazzi, amici miei che sono andati su – li hanno detto chiaramente che – se loro prima non mettono a lavorare i loro ragazzi, non chiamano dall’esterno. Quindi se tu hai la residenza, ti trasferisci la residenza a Biella, allora sei sicuro che tra due mesi cominci a lavorare. Qualsiasi lavoro ovviamente, non...

Non ho capito.. che cosa c’entra la residenza?

La residenza è, se tu sei uno di Santo Stefano di Quisquina e te ne vai a Biella, vai a vivere a Biella. Quindi loro, se hanno dieci disoccupati, nove di Biella e uno di Santo Stefano, prima fanno lavorare i nove di Biella,

perché questi sono lavori tramite il collocamento..

...collocamento, si, si, si, parliamo.. ho scordato io il... E che stavo dicendo. Niente quindi

Dicevi questo legame del..

Sì infatti, stavo dicendo sì, che dopo la laurea si diventa credo più interessante avere un legame perché vai a risparmiare un po’ di soldi. Perché se te ne vai senza soldi, già, pensare di affittare una casa, almeno anche una stanza, dico, mangiare, vivere diventa anche pesante. Sempre se non c’è una famiglia che ti sta dietro da questo punto di vista. E poi basta

La tua storia, ancora non l’ho capita bene. Allora sei laureata nel 95

la mia.. Io sono andata negli Stati Uniti perché mi volevo trasferire là..

Sei rimasta a Palermo subito dopo la laurea e hai cercato lavoro qualsiasi per mantenerti..

No, cercavo lavoro come ingegnere, però ovviamente se non trovavo lavoro come ingegnere nel frattempo cercavo qualsiasi altro lavoro.

E il lavoro come l’hai cercato? Tramite Gazette ufficiali

Ma, giornali che a Palermo vengono pubblicati. Il giornalino famosissimo, Il giornalino delle pulci, oppure […] qualche altra cosa insomma dove ci sono annunci di lavoro, insomma, queste cose di qua

E hai mandato curriculum

Ho mandato curriculum, ma non mi hanno spediti.. allora all’inizio non ne ho spediti tanti, poi ho cominciato a spedirle.. Ah, questo e pure grazioso, te la devo raccontare almeno cosi per curiosità: allora io ho spedito dei curriculum e non mi ha mai chiamato nessuno.. veramente non mi ha mai risposto nessuno..

Li avevi mandati dove

In varie aziende italiane

In tutta l’Italia

Sì, sì, sì, sì.. quindi non mi hanno mai risposto. Poi c’era un mio amico che è andato in Germania perché lui lavora, fa il dottorato insomma, si è mosso con l’università, quindi c’era questo centro di ricerca in Germania insomma e se n’è andato là. Allora niente, mi ha detto: sai, ieri ho spedito un po’ di curricula, sai, per le varie aziende. Dico: Oh, Da’ perché non ne spedisci pure qualcuno per me. Mandavo tutto via internet e quindi dico: Invece di mettermi qui a spedire, visto che tu hai gli indirizzi, manda il tuo e manda il mio. E stata bellina la cosa perché alle mie lettere non ha mai risposto nessuno. Alle lettere di Davide che partivano dalla Germania

Ma tramite e-mail sempre

e-mail o anche. No, penso tutte e-mail, però lui evidentemente mette il mio indirizzo di Palermo. Quindi mandava l’e-mail dalla Germania, con l’indirizzo mio come se io fossi momentaneamente in Germania, anzi io spedi poi questa cosa.- A queste lettere, a questi inviti è arrivata la risposta, da qualsiasi azienda è arrivata la risposta a Palermo. Mi arrivavano in quel periodo diverse lettere

Via..posta

No, no, no, via.. Ah, sì, sì, sì via posta. Penso che insomma veramente quelle di Davide siano state forse alcune e-mail, alcune posta, credo, insomma, non ti so dire

Ma le risposte erano sempre via poste a Palermo

Via posta si, via posta tutte, tutte dicendo che erano graziosamente.. che ringraziavano per la cosa, non avevano però bisogno di questo profilo. E la stessa cosa è successo a Davide. La cosa strana fu che: se la lettera partiva da Palermo, non ricevo risposta. Se la lettera partiva da – non cambiava niente – cioè, non cambiava assolutamente niente perché io continuavo ad essere una cittadina.. una residente di Santo Stefano che abitava a Palermo. Quindi l’unica diversità era che la lettera o partiva da Palermo o partiva da Monaco. Quindi, questo fu un primo fatto grazioso, perché secondo me già ti indica qualcosa. Il secondo fatto fu che l’azienda, la stessa azienda prendeva.. chiamava per il colloquio e ha anche assunto dei miei colleghi a parità di curriculum per cui non c’erano diversità: tu hai fatto tale rispetto a me, quindi: a parità di curriculum il ragazzo – maschio – veniva chiamato. La ragazza nemmeno la risposta. Questo è successo per esempio con la FIAT. La FIAT in quel periodo in cui si faceva.. in cui ho fatto questi, queste domande ha assunto almeno tre colleghi miei, cioè che venivano da Palermo, lo si conosce i colleghi insomma del corso. Tre ragazzi qualcuno ha rifiutato pure perché non gli interessavano le condizioni ecc., [Seite xvi↓]ecc. ... le ragazze che abbiamo spedito, eravamo tre, quattro, non mi ricordo, abbiamo tutte spedite alla FIAT un curriculum, nessuna ha avuto risposta, non: Grazie, Le ringraziamo però non siamo interessati, no, nessuna risposta. E questo anche con qualche altra azienda. A quel punto, mi sono anche stancata, cioe mi ha innervosito più che altro la questione..

Cioè parliamo di un periodo di quanto tempo?

Ma, un anno metti. Variamente. Da premettere che io non...credo di non essere molto portata per il lavoro dipendente. Cioè vorrei realmente, se mi è possibile fare la libera professionista, cioè l’ingegnere che lavora nel suo studio, nello studio di altri, però chi fa il libero professionista. Indipendentemente dall’azienda, non mi piace come idea, cioè non mi stimola più che altro, perché altri colleghi che hanno lavorato, chi lavorano presso le aziende, insomma, devo dire la verità, non sono persone poi molto soddisfatte, nel senso che vengono inquadrato a fare un tipo di lavoro, devi fare quello, insomma, non hai possibilità di […] personalmente. Quindi a me questo, anche mi interessa poco. E allora dopo, nel frattempo io quindi avevo trovato un lavoro. Avevo trovato un lavoro veramente non e vero. Avevo trovato uno studio che mi prendeva per fare il tirocinio, a Palermo, si, che mi pagava 500.000 lire al mese. Io ci tiravo appena le spese perché ci pagavo l’affitto, le spese di viaggio, e insomma mangiavo; non mi permettevo cinema, non mi permettevo ristoranti, non potevo fare niente. E mi davano 500.000 Lire e non puntualmente ogni mese. Un po cosi, quando potevano, quando volevano, però l’ho fatto, l’ho fatto anche perché insomma con quei soldi riuscivo a viverci, a Palermo, senza grossi arrivi da casa. Ci e stata una mia minca, che per esempio mi hanno proposto un segretariato per 500.000 Lire al mese, si e sentita offesa, ho detto: Ah io non mi sono laureata per lavorare per 500.000 Lire al mese e io non ho fatto niente e continuavo a fare niente. Questo per dire che la situazione e questa: O accetti, o non hai... anche nello studio, nei vari studi in cui sono andata io. Il problema e che tu non potevi dire: Senta, io non sono d’accordo, non voglio fare questo e te ne andavi, perché appena te ne andavi via tu, c’erano almeno cento ingegneri di fila che lavoravano anche gratis. Cioè se tu li dicevi: puoi venire qua allo studio, venivano anche senza soldi. Quindi tu dovevi accettare. Nel frattempo, va beh, vivevo l’idea di andare via però

… facendo questo lavoro per 500.000 Lire...

Si, pensavo di andare via però avevo un ragazzo a Palermo, allora c’erano problemi su e giù insomma tutte queste fisserie di qua e niente alla fine ho deciso che dovevo andare negli Stati Uniti, bellissimo, io vivevo l’idea dell’America, anche perché ci sono i miei parenti in America. Là era anche finalizzata per quello

Dove sono i parenti?

In Florida. Siccome sono... i miei zii sono andati via quando erano giovani, insomma trentenni, perché qua la realtà era quella che era, loro erano – con mia madre sono quattro fratelli e tre hanno deciso di andare via. Mia madre a quei tempi stava un po’ meglio e allora lei ci è rimasta. I miei zii hanno laureato i figli...hanno laureato... i miei cugini si sono laureati, alla mia età lavorano da dieci anni, guadagnano molto bene nel senso che stanno bene, hanno – la cosa che mi colpiva di più che il mio cugino si è iscritto in ingegneria, si e laureato in ingegneria, aveva cominciato a lavorare in ingegneria, si e reso conto che non gli piaceva il lavoro di ingegnere, ha avuto il tempo di iscriversi in economia e commercio, laurearsi, trovare di nuovo il lavoro, un bellissimo lavoro e – guarda caso: ha la mia età. Dico la cosa mi...

Cugino americano?

Americano, si. La mia età, identico, preciso. E questo mi colpiva moltissimo, dico...cioè in Italia tu non hai il tempo di laurearti, trovare il lavoro e dire: Oh, guarda, forse mi sono sbagliata, vorrei fare un’altra cosa. Anche se io trovo un lavoro ti devi considerare molto fortunato. Invece il mio cugino ha potuto cambiare e evidentemente ha trovato il suo lavoro, poi alla fine. Da premettere che io oggi non sono molto felice a fare l’ingegnere, cioè penso che avrei voluto fare qualche altra cosa. L’altro ieri il mio ragazzo mi chiese: Ma cosa volevi fare. Ma io non lo so, perché qua, anche questa è un altra realtà. Non hai la possibilità di scegliere. Hai poche cose, per cui – o fai quello o vai via. Ovviamente puoi anche andare via, puoi anche fare la scelta […] di andare via. Io sono stata poco coraggiosa, molto poco coraggiosa, perché mia madre quando fu mi voleva mandare negli Stati Uniti a studiare, mia zia – la sorella – diceva: Mandala qua, guarda, e bellissimo

Quando avevi diciotto...

Prima di andare all’università questo fatto

Ma eri già andata tu, negli Stati Uniti prima?

No, no, no, io vivevo per riflesso quanto raccontava mia zia. Siccome lei aveva... Guarda. Il problema, quale fu? Che loro andavano via da un paese dove lavorava il marito, e lei non poteva lavorare perché non c’era da lavorare. Era costretta a vivere male con i tre bambini perché non c’era da lavorare. Quindi, quando tu arrivi in America, mia zia – tieni conto – era soltanto con la terza media – quindi fondamentalmente una persona ignorante; mia zia cominciò ad andare a scuola in America, cominciò a farsi strada perché era una donna anche abbastanza intelligente, lei diventò manager in un azienda. Dico: sono piccole cose, però tu che vieni da niente, sono cose importantissime, perché tu dici: non e per colpa mia, e per colpa del mondo in cui vivo. Cioè, se tu ti sposti in un’altra realtà, in un’altra società, hai la possibilità anche di molto, di trovare anche quello che tu vuoi fare. Cosa che io non ho trovato mai, perché veramente non so che cosa mi piacerebbe fare. Questo però e tutto colpa mia, dico veramente; qua non c’entra nessuno. E niente... quindi mia madre mi voleva mandare negli Stati Uniti.

E tu avevi detto...

...e io ho detto no; ho detto di no, perché avevo i miei amici qua, perché avevo diciotto anni, e stupido lasciare il mondo dove stai, anche se non ci stai bene, ma a diciotto anni non hai pensieri, non hai niente: Dico: ma perché [Seite xvii↓]devo andare negli Stati Uniti, non c’è motivo. Poi mi faceva paura l’idea che non conoscevo l’inglese, dico: Dio, come arrivo la, non conosco niente, nessuno, e quindi ho rifiutato, e me la sono pentita amaramente, devo dire. E niente, poi ho provato andare negli Stati Uniti, ah, quindi ho trovato questi vari lavori a Palermo, ho cambiato diversi studi, perché alla fine o non pagavano, o si lavorava male...

Sempre tirocinio come l’ingegnere.

Si sempre come ingegnere. Si, dico, poi mi è capitato anche fare lezioni private a casa però dico, sono piccoli fatti questi qua, bene o male non, non, non hanno importanza. Sono stato per un periodo anche senza lavorare perché lo studio dove lavoravo ha avuto delle disavventure e dopo di che – niente. Anzi, nel frattempo, quindi dopo che questo studio ha avuto i suoi problemi ci sono stati dei casini, insomma, ecc, ecc. Io ho deciso di andare negli Stati Uniti, per cui sono partita, sono arrivata la, ho visto che la mia laurea era recuperabile nel senso che facendo – credo – cinque esami potevo avere confermata la laurea di ingegnere meccanica. E quindi ero molto interessata, dico: finalmente posso venire fare qualcosina. Poi è nata il problema del permesso di soggiorno in America, quindi c’è tutta la vicenda, io sono venuta in Italia per fare quindi la richiesta di... della visa – cosa fattibile anche tra l’altro perché mia madre ha la cittadinanza americana – purissimo caso, mia madre non sapeva neanche che cosa aveva fatta in America, però aveva la cittadininza americana – faccende familiari. Quindi io come figlia di americana ho fatto la mia richiesta. Nel frattempo però – restavo qua in Italia aspettando – e passato un anno. E passato un anno e io ho trovato un lavoro – l’attuale lavoro. E niente, mi piaceva come lavoro, mi trovavo bene insomma, era un po’ diverso da quello che avevo fatto fino a prima. E quindi niente, e cominciata a morire l’idea di andare negli Stati Uniti, anche perché gli Stati Uniti come lavoro è bellissimo, senza fare tubi tu pensi di poter fare tutto quello che vuoi, però come società e molto diversa, la gente molto più fredda, va troppo di corsa, pensa un po’ troppo a se stessa e qui abbandoni... poi la Sicilia... è bella, cioè non ha lavoro, no ha niente, però... cioè per me è bellissima. E molto calda, sei all... cioè sei povera ma sei allegra, sei felice e questo è molto importante, comunque. In America invece era troppo di corsa, anche i miei cugini, voglio dire, li vedevo, ci stavo bene però il venerdì sera e il sabato, perché già la domenica è il giorno di preparazione a lunedì quindi del tutto diverso. Tutti gli altri giorni non vedevi nessuno perché dal mattino alla sera lavoravano, quindi bene o male ho detto: si, va beh, trovi il lavoro, trovi i soldi, però non trovi più altre cose, no, dico, ho perso interesse.

Non ho capito, scusa: tu sei partita poi, o no, per gli Stati Uniti?

Si, allora che ti stavo dicendo?

Quanto tempo?

Io ci sono stata dicembre, gennaio, febbraio, marzo – quattro mesi

Sempre stando nella famiglia e cercando lavoro là?

Si, si, si. No, non cercando lavoro. In quel periodo non ero interessata a cercare un lavoro. Ho fatto lezioni di inglese, ho aiutato mia zia nel suo ristorante, ho creato anche qualche problema al ristorante perché facevo i conti...gestivo la cassa, però dico ero […] voglio dire, e […] mia zia, ho fatto lezioni di inglese e vedevo un pochettino come potevo sistemare la mia laurea, perché mi interessava anche confermare, cioè andare a riconfermare la mia laurea. Quindi, questo fondamentalmente ho fatto. Anche perché sono partita per vacanza, quindi ho fatto i primi mesi – figurati non avevo mai visto i miei cugini – mai! Quindi erano... sono tantissimi loro là e insomma i primi due mesi sono passati cosi, e poi niente, le mie cose.

Il lavoro attuale, ti è arrivata la notizia negli Stati Uniti e sei tornata

No, no, no, io sono ritornata in Italia per registrare la situazione per la visa e dopo di che siccome tra domanda al consulato le varie domande, le varie cose è passato un buon...un anno sicuramente. Nel frattempo ovviamente io non potevo restare a Palermo così senza fare niente e ho detto: Cerco un lavoro e ho trovato questo lavoro.

E cos’é questo lavoro?

Sono in uno studio di progettazione di impianti.

A Palermo

A Palermo.

Praticamente non sei mai tornata a Santo Stefano?

No,

Cioé magari qualche mese, qualche settimana, ma non…

Quando mi avevo licenziato dallo studio, un mese, un mesetto sì. Sì, ma pura vacanza voglio dire, ero molto stressata, voglio dire: il pensiero di non avere ancora un lavoro, di non fare cose chi mi potessero piacere, mi davano preoccupazione. Quindi ero molto stanca, molto appesantita per cui quando sono venuta qua, mi sono molto rilassata. Santo Stefano è un paese che a me fa solitamente pensare a niente, perché tu arrivi a casa, da mangiare ce l’hai tranquillamente, dico non ti devi preoccupare di andare a procurare, quindi è calmo, quindi – Palermo tu la conosci: e incasinata, rumore, sporcizia – tu arrivi qua e non lo so, un po ti dimentichi – soprattutto se […] sono stati tre mesi in cui non ho veramente pensato a lavorare ancora. Nel frattempo poi mio fratello era andato a Biella e io ho deciso che devo andare a Biella. A Biella – ah ecco, allora c’è una piccola correzione da fare, perché al ritorno dell’America io ho fatto domanda al consulato per il permesso e nel frattempo mio fratello si sposava, andava a Biella e io decidevo di andare a vedere Biella, perché nel frattempo dopo aver visto gli Stati Uniti dicevo: Ma porca miseria, se io trovassi lavoro in Italia, io ci resterei in Italia. E allora quindi, ti cercavi, ti giravi e allora sono arrivata a Biella, a Biella ho conosciuto della gente casualmente e mi dissero: Fai la domanda che possibilmente ti chiamano, ecc. ecc. abbiamo fatto la domanda alla posta, a quei tempi la posta cercava lavoro […] lavoro, e basta poi, sono rientrata di nuovo qua.


[Seite xviii↓]

Quanto sei stata a Biella

No, a Biella pochissimo tempo, due o tre settimane non mi ricordo, ma fu una cosa rapida perché mio fratello andava a cercare casa e allora siamo saliti tutti. Io ho pensato: vado a vedere un po’ com’è e poi basta. In realtà dalla posta di Biella ci hanno chiamato, perché siamo stati io, mia cognata e mia sorella a fare la domanda. Eravamo là, c’erano queste domande e abbiamo detto: Facciamo. Infatti mia sorella per il momento e a Biella e lavora alla posta, però un lavoro di questi che si propongono tre mesi, tre mesi, con degli stacchi di tempo...

E che non c’entra niente con la laurea

No, no, no, non c’entra niente, però l’unica possibilità e... molti hanno detto a mia madre di non... Patrizia – mia sorella- l’ha accettato la prima volta per tre mesi. Ora le hanno chiamata per quattro mesi, lei è iscritta pure in ingegneria e Patrizia diceva: ora, va beh, se loro mi chiamano la prossima volta, non ci vado più perché ovviamente perdo un po’ di tempo con le materie. E invece tutti quelli che conoscono così mia madre: Ah guarda, non fare questo errore, mandagliela perché poi alla fine dopo tre volte, mi pare, che ti chiamano così a spezzoni, alla fine ti assumono. E quindi hai la possibilità di fare anche carriera interna, una volta che magari, ti vai laureando poi fare anche carriera, insomma ti puoi ventilare nelle alte sfere. Basta questo insomma. Ci saranno altri fatti, ma non me li ricordo.

Il lavoro attuale ti soddisfa?

Il lavoro attuale, non mi soddisfa, mi soddisfa fino ad un certo punto. Da un certo punto in poi non mi soddisfa perché come ti dicevo, tendiamo a fare un lavoro che non è il massimo

ma sempre nell’ambito della...

...progettazione di impianti.

Cioè ingegneria nucleare non c’entra niente

No, no, no, no, ingegneria nucleare, ma no, nessuno, nemmeno quelli che hanno, che hanno preferito […] nucleare lì a Milano non fanno l’ingegnere nucleare. Come nucleare in Italia non esiste più niente, c’è solo ricerca. Ricerca che è mal finanziata, per cui non puoi nemmeno dire: Faccio della ricerca insomma, che da delle soddisfazioni. Sei costretto a fare della ricerca avendo sempre problemi di soldi, di... cioè io ho fatto, la mia tesi era un progetto sperimentale. Abbiamo avuto problemi sempre per avere dei soldi per fare la cammiutà perché ce l’abbiamo fatto manualmente delle resistenzine da posizionare all’interno della cammiutà, resistenzine che si rompevano in cinque secondi perché erano di un sottile... cioè abbiamo fatto molta malavita e poi arrivata fine cioè io aspetto ancora la pubblicazione della mia tesi perché alla fine non è mai avvenuto perché poi il ragazzo successivo ha fatto bruciare tutte cose insomma, per dirti, i problemi sono quelli anche. Quindi la ricerca, non mi... a parte dico che come persona credo che non mi interessi, lo studio finalizzato alla ricerca non mi interessa. Pensavo di essere più pratica. Mi piacerebbe essere molto più pratica però ci sono sempre dei limiti, dei vincoli, tipo questo.

E questo lavoro e sempre pagato 500.000 Lire al mese?

No, no, no, si, ora ho uno stipendio normale di un milione e otto, insomma. Non e il massimo però, se tieni conto che ancora sono a Palermo, dove le spese, insomma riesco a mantenerle, insomma, con un milione e otto ci puoi anche vivere. Poi tieni conto che tu fai questo però ecco la cosa positivo degli studi, di questo studio, perché ho la possibilità di... e uno studio che lavora moltissimo, che conosce molta gente, per cui tu hai la possibilità anche di conoscere altra gente, cioè nasce magari la possibilità di altri lavori, di altri incarichi insomma, nel frattempo ti dai da fare anche per i fatti tuoi, cercando di fare altri lavori: ti proponi al comune, di... insomma, queste cose cosi, insomma. Nasce qualcosina, per cui ... non e neanche tanto facile perché anche qua c’è una […] molto lunga, ma

E questo non e più tirocinio

no, no, no, questo e diciamo che...

diciamo un contratto a tempo determinato, o indeterminato ?

No, io ho un particolare contratto, ma che ho richiesto io, perché in pratica è nata nel frattempo uno, non so se sai – di questo lavori socialmente utili, lavori di pubblica utilità, insomma tutta questa roba di qua. Alla provincia di Agrigento mi hanno chiamato, dicendomi dall’ordine di ingegneria direttamente, mi hanno detto: L., vedi che deve partire questo progetto, resta... cerca di interessarti, cerca di farne parte perché potrebbe avere dei risultati interessanti. Per cui in questo momento io faccio questo LPU, che e un lavoro di pubblica utilità. Siccome interessa... è relativo al mio campo, perché io sono... oggi sono diventata... abbiamo fatto un concorso ho fatto degli esami, sono […] verificato degli impianti, perché è uscita tutta una normativa sul risparmio energetico, quindi si devono fare dei controlli sulle caldaie, sugli impianti di riscaldamento, i valori devono essere entro certi limiti, insomma tutta questa faccenda di qua. Siccome e abbastanza interessante, l’ho fatta anche perché quando fu, mi hanno detto: L., c’è una possibilità, che alla fine ci sia il concorso alla provincia, perché siccome ci vogliono delle persone specializzate in questo settore, la provincia non ne ha, quindi alla fine e possibile fare il concorso per avere questi elementi. Ovviamente questi elementi li pescherà da questo gruppo di persone. Quindi alla fine della storia io ho... i ragazzi di Palermo volevano fare un contratto di lavoro normale, la messa in regola insomma normale e io dovevo essere però disoccupata per questo LPU, e allora ho dovuto fare la disoccupata per cui ho il lpu e nel frattempo sono una collaboratrice dello studio. Quindi faccio la mia fattura come collaboratore esterno e basta.

E come mai questa scelta del lpu se prima mi dicevi, che ti vuoi sviluppare, che non vuoi avere vincoli professionali, ma il posto alla provincia sarà così?

No, questo e come collaborazione esterna.

Alla provincia pure?


[Seite xix↓]

Si, sarei collaboratore esterno però con vinc... Diciamo, economicamente sarei una stipendiata dalla provincia che sono stipendi anche abbastanza rispettabili, però la mia opera sarebbe sempre da prestata come un collaboratore esterno, come un professionista esterno. Cioè non sarebbe un... cioè io non sarei allo sportello della provincia, per cui regolata dalla provincia. Io ho le mie verifiche da fare quindi vengo, e una ... ecco e più una convenzione con la provincia, per cui divento stipendiata ma non... stipendiata, insomma, dico nasce la collaborazione con la provincia, cioè c’è il legame con la provincia, che ti paga, che ti fa tutto però io ho sempre lavoro.

E il fatto che ti e arrivata questa chiamata dalla provincia con il lpu ecc. è nato dal fatto che conosci qualcuno la oppure una cosa ufficiale che chiamano tutti...

No, hanno chiamato... erano... infatti c’è stato una selezione. A me è arrivata la notizia direttamente dall’ingegnere che era presidente, a quei tempi era presidente dell’ordine, ma è stato un bene che mi è arrivata dalla sua bocca direttamente perché mi ha telefonato a Palermo, perché altrimenti non l’avrei saputo perché la...

E tu conoscevi personalmente questa persona...

Si, era presidente dell’ordine, cioè siamo pochi in ingegneria in giro. Perché all’ordine bene o male c’è la riunione, c’è la convocazione, cioè alla fine ci conosciamo un po’ tutti. E niente ecco lì ci siamo conosciuti anche lui come presidente dell’ordine tendeva a... a... e un tipo molto interessato per cui cerca di interessare tutti gli iscritti, di farsi conoscere, se ci sono delle novità te le fa sapere, in questo senso era molto attivo, cioè è lui come persona in genere, non perché io lo conoscevo personalmente o qualcosa del genere. E infatti lui l’ha fatto sapere a diversi colleghi ma ci è stato un concorso, cioè una selezione, perché i posti erano mi pare tredici...quindici, non mi ricordo, quindi ci sono state diverse persone, una trentina di persone che ci sono presentate anche perché richiedevano dei requisiti: la laurea o il diploma in apposite facoltà o comunque scuole di indirizzo particolare, quindi diciamo all’indirizzo energetico è stato la... poi c’entrava l’età, c’entrava qualche altro piccolo fattore insomma, piccolezze, alla fine insomma abbiamo superato la selezione in quindici, o forse c’erano due in soprannumero, insomma qualcosa del genere, comunque c’è stato un regolare... una regolare selezione. Poi c’è stato...alla fine del corso c’è stato l’esame con l’Enea, perché sono venuti direttamente da Firenze, da Roma diversi elementi dell’Enea e ci hanno fatto fare loro il... l’esame e infatti non siamo... non sono tutti che l’hanno superato insomma, l’esame insomma, siamo in numero ancora più ridotto. Per il resto insomma, era una cosa molto regolare molto tranquilla.

E adesso, l’idea di andare fuori non...

...non mi prende più.

non ti prende più

ma non perché ho trovato lavoro. Infatti ne parlavamo l’altro giorno, perché il mio ragazzo dice: L., guarda, se tu non ti senti soddisfatta, se vuoi andare fuori, ci possiamo andare. Dice lui, è un ragazzo – tra l’altro - che si è […] moltissimo, fa: mi piace conoscere, vedere, quindi, c’è anche questo dico è molto importante. E dice: se tu vuoi andare via, andiamo. Io sono pronto a ricominciare ad un’altra parte. E non sono più ispirata io... cioè non lo so, non mi pia... neanche Biella, dico, non mi è piaciuta. Nel senso che è bellissimo, una cittadina bella, calma, pulita, il rispetto massimo per tutto, però non lo so, forse a trent’anni diventa stupido forse, però anche difficile perché io mi ricordo, quando sono stata a Biella, arrivata ad un certo punto avevo la nausea del silenzio che c’era là. poi siamo cominciato a scendere, in macchina siamo poi venuti in Sicilia con la macchina, e man mano che si scendeva, tu arrivavi a Firenze e già cominciò un po di rumore, arrivavi a Roma e già c’era rumore, a Napoli c’era proprio fastuona, arrivavi qua dico, cambiava direttamente, cioè cambiava nettamente la situazione. Ed era forse anche legato a questo, questo fatto che... cioè io lo sentivo dire prima questo fatto, da quando avevo il pallino di andare via negli Stati Uniti, mi dicevano: Ah, ma la Sicilia, il sole, il cielo. Dicevo: A va beh, fisserie, io che te ne fai, del cielo, del sole, te lo trovi dovunque, comunque e poi diventa... non lo so, diventa importante, anche il fatto della gente. La gente è diversa, che ... e cortese guarda io ho trovato dovunque gente cortese, gentile, disponibile però non so, cambia, c’è qualcosa che è diverso, non lo so. Poi dico, se trovi lavoro...l’importante e comunque trovare lavoro. Poi c’è mio ragazzo che ha diverse attività, per cui se...

Qui a Santo Stefano o a Palermo

No, a Bivona che è il suo paese, a San Giovanni e niente, stanno cominciando a mettere su qualche altra cosa... Stiamo mettendo su un’allevamento di lumache. E quindi se va bene diciamo che diventa anche... a me piacerebbe fare altre cose che non sono relativamente legate alla... alla ingegneria. Per cui lui deve fare, farà una hall, una halls per la reabilitazione degli anziani era un campo pure interessante, voglio dire mi ci troverei anche ad aiutarlo, anche magari l’amministrativo però dico sono cose che mi piacciono. Non ti legano molto al mondo dell’ingegneria che è molto freddo e congelato direi. E quindi non lo so, diventa...se riesci a fare diverse cose, diventa anche... cioè diventa anche interessante. Ci puoi vivere, ecco. Anche perché quando ti capita l’incarico per cui devi fare una progettazione o qualche cosa insomma... ecco quelle sono cose dove tu magari devi... cioè puoi mettere un po’ del tu devi andare di nuovo a studiare però già e uno studio finalizzato a qualc... alla realizzazione di qualcosa. Per esempio ora se va in porto abbiamo delle... della progettazione da fare, se va in porto veramente, della progettazione per quanto riguarda i siti, questi qua per la telefonia, le antenne insomma, non mi hanno mai fatto fare progettazioni di questo genere però dico: se dovesse capitare, nel momento in cui capita, se tu ti devi aprire un nuovo capitolo, ti devi mettere a studiare tutta la faccenda, vedere... perché c’è un po’ di roba, sia dal punto di vista elettrico, sia dal punto di vista non lo so... dell’installazione stessa. Quindi diventa... cioè sono piccole cose, però piccole cose che magari, se guadagni e se sono cose che ti interessano riescono anche a riempirti la giornata, insomma. Mi accontento di poco.

Va, bene, grazie tante

[Seite xx↓]Beispielinterview 2

Die junge Wirtschaftsingenieurin D. lebt in Castellammare del Golfo, einem Ort mit etwa 20.000 Einwohnern ca. 50 km westlich von Palermo. D. hat in Palermo studiert, hat aber schon einen beträchtlichen Teil der Welt bereist. Neben Verwandten, die sie in den Vereinigten Staaten besucht hat, war sie häufig in England, um ihre Sprachkenntnisse zu perfektionieren. Um sich diese Aufenthalte zu ermöglichen, hatte sie weder scheu, einfache Arbeiten in der Gastronomie zu übernehmen, noch auf die Hilfe von ausgewanderten Verwandten zurückzugreifen.

Da sie nach dem Studienende in Palermo keine Hoffnungen auf eine Stelle in Sizilien besaß, hat sie sich von vornherein auch in Nord- und Mittelitalien beworben. Ihre Bewerbungen blieben jedoch meist ohne Antwort, so dass sie gezwungen war, einfache Aushilfstätigkeiten in Sizilien aufzunehmen. Zudem hat sie an einem Aufbaustudium zur Tourismusentwicklung in Sizilien teilgenommen.

Da ihr Lebenspartner mittlerweile in Rom lebt, hat sie sich von dort aus erfolgreich für eine geförderte Weiterbildungsmaßnahme in einer Firma im Sektor der Mikrotechnologie beworben. Diese neue Aufgabe macht ihr vor allem fachlich und inhaltlich sehr viel Spaß, so dass sie – abgesehen von der Vergütung – mit ihrer aktuellen beruflichen Situation sehr zufrieden ist. Zudem wird ihre Praktikumsstelle nach zwei Jahren mit hoher Wahrscheinlichkeit in eine normale Anstellung umgewandelt.

Obwohl sie Rom als Stadt und Lebensraum sehr schätzt und sie dort eine hohes Maß an beruflicher Befriedigung findet, kann sie sich nicht vorstellen, langfristig außerhalb ihrer Heimat zu leben. Obwohl sie das Reisen als wahre Leidenschaft entwickelt hat, fühlt sie sich Sizilien in besonderem Maße verbunden.

Quando studiavi a Palermo abitavi qua a Castellammare o

No, abitavo a Palermo. Avevo un appartamento con altre ragazze.

... di Castellammare?

No, pure fuori sede. Si erano spostati per studiare a Palermo però anche di altri paesi non solo di Castellammare. Altri paesi qua vicino, vicino Palermo. Agrigento.

Che tu non conoscevi?

No, molti no, altri già li conoscevo.

Ma durante tutti gli studi hai abitato a Palermo ?

Si, tranne l’ultimo anno che sono stato più a casa perché dovevo preparare la tesi, l’ho preparata, sono andata in un’azienda a Castelvetrano e quindi rimanevo a Castellammare perché era più vicino.

Come spostamenti all’estero durante gli studi oppure anche fuori dalla Sicilia, c’erano spostamenti per lavoro o per studio. Anche lavori di vacanza...

...part-time? Si. Io sono stata quasi ogni estate in Inghilterra e ho lavorato un paio di volte per potermi mantenere. E l’ultima volta sono stata dopo laureata, da primi di settembre fino a fine novembre, quasi due mesi e ho lavorato in un ristorante inglese, per imparare meglio la lingua. Ho frequentato un corso per fare il “first certificate” che sarebbe un attestato. E poi quando posso, parto, ma ormai penso che sarebbe difficile, adesso che lavoro insomma, le vacanze non sono tante.

E questi lavori che avevi fatto durante gli studi erano lavori di che tipo – e come li hai trovati ?

Allora io all’estero ho lavorato sempre – prima in ristoranti italiani – ma perché me li indicavano magari altre persone che conoscevo a Londra, che stavano là e che ci avevano lavorato. Invece l’ultimo sono andato in un job-center e l’ho trovato... ho fatto l’application form e poi dopo una settimana mi hanno chiamato. Ho fatto il colloquio con la manager del ristorante

Stando già sul luogo

Si, io ho delle, conosco delle persone e tra l’altro sono qua inglesi. Perché la prima volta che sono stata in Inghilterra sono stata... ho pagato per restare in famiglia e poi – eravamo io e mia sorella – e poi avevamo fatto amicizia con questa famiglia e siamo ormai amici, nel senso che questa persona già ha comprato una casa qua a Castellammare e viene ogni sei mesi insomma. Abbiamo instaurato un bellissimo rapporto, per cui poi sono stata ospite da lei dopo che mi sono laureata, finalmente potevo starci più tempo perché ero vincolata dagli esami, dovevo star risultante un mese ad agosto perché giustamente dovevo tornare per fare gli esami mentre poi ero più libera quindi sono stata più tempo. E facevo la scuola, andavo dopo le tre a questo corso che durava tre ore, dicevo dalle dodici alle tre poi fino alla sera tardi lavoravo al ristorante. E posso?

PAUSE

Però io ho fatto dei lavori part-time pure qua, non...

Cosa facevi?

Lavoravo come promoter dalla Martini. Conosci Martini?

Le bibite?

Si. Nei supermercati. E lavoravo nel periodo fine settimana, Natale, Pasqua, perché in questo periodo di feste poi pagavano abbastanza bene

E questo a Castellammare o a Palermo?


[Seite xxi↓]

No, l’ho fatto più che altro a Palermo, e poi a Natale l’ho fatto ad Alcamo, che è qua vicino. Però sempre così diciamo, quando non avevo impegni di studio particolari o avevo bisogno di più soldi insomma.

E le esperienze in Inghilterra, la prima volta in questa famiglia hai pagato, poi la seconda volta, la terza...

No, no, poi sono stata sempre… Sono ritornata perché per quel rapporto andavo ospite...

Pause

E poi sono stata – ora non mi ricordo quante volte ci sono stata.

Ma sempre nella stessa città che sarebbe Londra

Si, sono stata a Londra, però poi un anno sono stata a Liverpool, sono stata pure in Scozia, e poi io comunque non sono stata solo in Inghilterra. Io sono stata in America due volte, perché ho molti parenti là, sono stata due volte – tre anni fa e cinque anni fa. Dovrei fare un elenco. E poi sono stata in Olanda, sono stata in Francia, da Londra sono stata in Francia, sono passata sotto il tunnel, lo sai che … Poi sono stata a Praga due volte...

Ma sempre per lavoro?

No, non sempre per lavoro.

Ma l’America per esempio?

No, in America sono stata a vedere i miei parenti. No, non sono stati motivi di lavoro. Motivi di lavoro da quando mi sono laureata in poi mi sono trasferita.

E Liverpool per esempio?

Liverpool sono stata perché ero a Londra. Siccome sono stata a Londra, non ci andavo mai con l’autobus siamo andati a Liverpool. E lo stesso in Scozia con il treno, perché poi il mio ragazzo ha fatto il progetto Erasmus in Inghilterra a Londra, sono andata a trovargli e abbiamo girato un po’

Ma questo sempre come turista.

Si, come turista.

Cioè le esperienze di lavoro sono state sempre a Londra?

Si, ho fatto queste esperienze di lavoro a Londra... Gli altri no, perché ci sono stata poco tempo, sono stata a Praga una settima, poi l’anno scorso sono stato a Budapest, però diciamo per piacere. Le mie vacanze, diciamo... Mi piace tanto girare. Come lavori io ho fatto, quello a Londra, dove io ho lavorato due volte: una volta in un ristorante italiano, l’ultima volta in un ristorante inglese, sempre per imparare meglio la lingua. Poi ho lavorato come promoter durante il periodo universitario. Poi una volta ho lavorato pure un cinque anni fa come... proponevo dei corsi di computer e facevo delle interviste come li fai tu per vedere se erano interessati: Chi era interessato parlava con una persona responsabile e poi queste persone se volevano facevano un corso che durava tre mesi per prendere un attestato. Ci ho lavorato un estate fa.

Un corso di formazione?

Si, una cosa del genere. Poi niente. Se vogliamo parlare delle esperienze lavorative, non appena mi sono tornata in Inghilterra ho fatto l’esame di abilitazione., nel

Scusa, dopo la laurea, sei andata in Inghilterra trovare il tuo fidanzato?

No, allora ricominciamo. Io con le date ormai mi sono perse. Allora: nel 98 mi sono laureata, nel 97 un anno prima, il mio ragazzo è stato a Londra da febbraio fino a luglio. Io studiavo, qua dovevo dare le ultime materie però un mese sono stata la, sono andata a trovarlo. Abbiamo, anche perché abbiamo girato un poco, poi sono tornata, lui si è laureata a novembre, io invece continuavo a dare le ultime materie, ho cominciato a fare la tesi, e poi a luglio 98, dopo, mi sono laureata. Si è fatta estate e poi sono partita.

Dopo l’estate?

Dopo l’estate. Sono stata fino a fine novembre del 98, sono stata settembre, ottobre il 20 novembre sono tornata, sono stata a Londra, ho lavorato

In quel ristorante inglese

Ho trovato il lavoro tramite job-center quella volta e sono stata a... sono tornata perché dovevo fare esami di abilitazione. Noi facciamo un esame finale. Ho fatto l’esame di abilitazione e ho fatto pure l’orale, ho finito a febbraio – fine gennaio, primi di febbraio, questa volta nel 99, poi ho fatto un... ho iniziato un corso fatto dall’unione europea per diventare promoter del turismo culturale che mi interessava tanto come argomento.

Dove l’hai fatto questo corso?

Palermo, io mi sono trasferita a Palermo fino a luglio, però nello stesso tempo ho iniziato a lavorare per la certificazione di bontà.

Che cos’è questo?

ISO 9000, conosci? Standard di qualità

Per che cosa?

E una cosa in retta con la mia laurea, pure. Oggi tutte le aziende devono ottenere una certificazione, devono avere un manuale dove dicono come lavorano, cosa fanno, devono avere delle procedure di come creano un prodotto, un servizio, e per ottenere questa certificazione devono fare tutt’una documentazione particolare, poi viene un ente, che controlla, per la certificazione per un anno. E poi ci devono essere tutti i controlli. È una normativa dell’Unione Europea quindi penso che... E ho lavorato per… con altre persone per aiutare le aziende ottenere la certificazione, preparare la documentazione però ero sfruttata... perché non pagata bene. Allora ho mandato curriculum a tutte le aziende in tutta l’Italia, ho fatto dei colloqui, poi ho deciso nel novembre, no ottobre, i primi di novembre del 99 di trasferirmi e di cercare a Roma direttamente il lavoro.

Perché la ricerca del lavoro da qui, e i colloqui che avevi fatto non...?


[Seite xxii↓]

Allora , io... siccome tu lavori con la statistica... ho lavorato per la tesi pure con la statistica, ti posso fare un’analisi statistica. Io ho mandato tantissimi curriculum da qua, non appena laureata. E di risposte ne ho avute poche. Ho fatto soltanto un colloquio – che ti posso dire su cento, 400 curriculum mandati.

Tanti

Si, ne ho mandati tantissimi.

Via email o via posta, come si fa?

Allora io ho mandati tanti via posta all’inizio. Poi dopo visto ne ho mandato via e-mail, però io ho visto che ci è stato più riscontro, più risposte. Ma comunque ho avuto moltissime risposte quando già mi sono trasferita a Roma, e dicevo che avevo la residenza... no la residenza, il domicilio a Roma, e ho avuto tantissime risposte di persone che erano interessate, che mi chiamavano... e figurati che io certe volte ho detto no, perché magari non erano cose che effettivamente mi interessavano tantissimo, perché all’inizio tu mandi a tutti, poi magari fai una scelta dopo. E ho notato che da quando, da quando mi sono trasferita ho avuto più possibilità. Comunque

Lo stesso curriculum, con l’indirizzo diverso?

Si. In pratica... pure mio ragazzo abbiamo notato, abbiamo fatto questa confrontazione, perché è troppo strano. Io penso che un’azienda che deve assumere una persona e pensa questa persona si deve spostare, che devi contare determinate difficoltà sia meno propensa a farli questi sacrifici, mentre una persona che si è già trasferita ha già l’idea di cosa significa trasferirsi e di stare in un’altra città, che non è facile, di stare da solo in una città, vivere comunque in una realtà diversa. E abbiamo fatto questa costatazione e effettivamente e stato cosi. Io immagino che mi sono trasferita non avevo niente, non ero stata assunta da nessun’azienda, e ho iniziato a fare un corso, un corso di form... un corso che faceva un’azienda perché poi alla fine poteva decidere di assumerti. Però mi offrivano alla fine come stipendio uno stipendio abbastanza basso.

Che sarebbe quanto più o meno?

Mi davano un milione, un milione e mezzo per un mese e poi avevo diciamo la clausola che dovevo rimanere comunque con loro un anno. Che era una cosa che mi limitava tanto. Per cui ho fatto questo corso fino a dicembre, poi quando sono ritornata a Roma, sono ritornata i primi di gennaio perché sono ritornata qua per Natale e ho fatto un altro colloquio con un’azienda che invece mi faceva un corso di formazione, nel campo dell’information technology – tipo come programmatore – e non so tipo, visual basic, java, java script, insomma queste lingue qua di cui io non avevo nessun tipo di conoscenza dall’università, allora mi hanno presa per fare questo corso, un corso che è durato circa due mesi molto diciamo pesante con degli esami ogni settimana, ogni due settimane, e l’ho superato e mi hanno assunto. E infatti io

Questo già a Roma?

Si, tutto a Roma. Infatti sono stata assunta, poi mi hanno fatto una borsa, comunque durante il corso venivo pagato tramite borse di studio e poi ora mi hanno assunto dal 10 aprile, cioè proprio da poco ho iniziato e quindi... perciò mi sono trasferita principalmente perché... per problemi di lavoro, perché non si è trovato.

A Roma

Si, ho scelto Roma perché il mio ragazzo già si era iscritto a Roma. Siccome mi dovevo trasferire comunque in una città, una grande città o Milano o Roma e tra l’altro preferisco Roma a Milano. Milano è troppo... (Lachen)... troppo cupa, cioè io sono il tipo che mi faccio influenzare anche dal tempo

“Cupa”, che significa?

E una città dove c’è poco sole, molta nebbia e solo lavoro, capito? Quindi, se potevo scegliere... certo se trovavo lavoro là

Sei mai stata a Milano?

Sì, ci sono stata. No, a me piace [Milano]... perché è una città... comunque europea, che ha molto... però non mi piace l’idea di... certo Milano è bella proprio, però sarei comunque nei dintorni di Milano perché si tratta di questo, con il tempo sempre un po’ brutto, un po’ con la nebbia un po’ ... mi intristiva. Però, se avevo la possibilità di scegliere tra l’una e l’altra... se non capitava Roma, capitava Milano, mi trasferivo a Milano e questo è qua...

La scelta principale sarebbe stato Palermo o Roma? Se... mettiamo il caso che...

No guarda, se trovavo lavoro qua, un lavoro buono qua, io rimanevo qua, perché io adoro la mia terra, cioè mi piace proprio... però... ma infatti la mia intenzione è quella di comunque un po’ di esperienza...

... a Roma...

poi di capire tipo... cercare di ritornare qua.

E il tuo fidanzato invece ha lo stesso programma?

Sì. Si perché poi siamo stati delle persone che hanno sempre viaggiato, siamo stati sempre fuori, comunque non siamo rimasti chiusi in quest’ambito, però poi tu sei fuori e comunque... capisci che la tua vita può comunque rimanendo fuori e... lontana dalla tua terra, dalle tue origini, anche della famiglia, ti rendi conto che poi c’è questa possibilità hai voglia di ritornare comunque. Perché... e poi, noi siamo assunti con un contratto di formazione, contratto di formazione significa un milione otto al mese poi duecentomila lire in ticket per mangiare e per il pranzo, no? Per cui è uno stipendio diciamo minimo e basso per poter stare in una grande città com’è Roma, dove i prezzi specialmente un questo periodo del Giubileo sono veramente elevati, per cui ci si tratta di fare pure dei sacrifici. Con un milione otto qua a Palermo si sta bene.

Benissimo, sì

Cioè non c’è paragone, per cui anche da un punto di vista economico, cioè non dico che rimarrò tutta la mia vita con un milione otto al mese ma ... lo stesso stipendio in un’altra città, in un’altra ... ti puoi vedere la differenza che [Seite xxiii↓]c’è, effettivamente, per cui diciamo sarebbe anche una scelta di questo tipo, e poi voglio dire, una questione di doversi fare una famiglia e di seguito... cioè stare soli, perché poi essere soli in una città, pensare di avere die figli comunque non poterli lasciare a nessuno in caso di bisogno... sono tante cose che magari non ho mai considerato, non mi interessava più di tanto, hai...[?] di determinate scelte e di seguito, la mia ispirazione è quella di ritornare però non so se si è possibile, se si può fare. Non è quella di rimanere sempre fuori. Poi dipende, se ho delle possibilità a livello di carriera veramente di emergere, di avere chissà quale possibilità allora lì sarà una scelta augurata... verificare cos’è più importante, cosa conviene. Per il momento la mia idea è quella di tornare. Anche perché mi piace poter fare qualcosa qua, qualcosa per il Sud che è sempre lasciato...

Ma secondo te, queste esperienze all’estero, fuori a Roma ti aiuteranno a trovare lavoro qui oppure può essere anche uno svantaggio perdendo un po’ i contatti qui, stando a Roma?

Ah, è stato sempre un mio dubbio questo, nel senso che abbandonare la realtà che c’è qua , quindi di staccarmi di questa realtà diciamo che in un certo senso non mi permetteva di comunque ritornare e di seguito, però non so, forse è un rischio, ma io penso che se poi mi propongo qualcosa in più cioè economicamente delle conoscenze veramente buone in determinati campi penso che posso avere più sbocchi. Perché qua manca, purtroppo manca la possibilità di... manca una certa... si lavora in una certa maniera...maniera con certi standard di qualità. Però il dubbio mio rimane sempre uno, cioè se poi effettivamente qua vantaggiano le persone per merito, perché sono bravi perché comunque hanno delle conoscenze, cioè delle conoscenze tecniche oppure perché hanno delle conoscenze a livello di persone. Il dubbio rimane sempre, però comunque ... io vorrei pure cercare di... di creare qualche cosa ex novo, cioè ho delle idee imprenditoriali che vorrei mettere in pratica al più presto. Quindi, se l’idea è buona e se va avanti non ho bisogno di nessun tipo di aiuto diciamo tra virgolette. Spero di potercela fare, però sono tutte cose così, dei punti interrogativi.

Adesso ci sono questi programmi dell’imprenditorialità giovanile...

Sì, io ho fatto la richiesta per potere ottenere dei finanziamenti però li ho fatti sempre nell’ambito della qualità per come mi ero organizzato l’anno scorso, però in ogni caso io penso che ... per creare un’impresa o per creare qualcosa al livello di imprenditorialità alla fine non sono necessari tantissimi soldi. Io posso farcela da sola, non perché non ci credo... cioè se possono essere di aiuto nel momento in cui tu già hai proprio l’idea, vuoi partire, allora ti possono aiutare. Però comunque se io decido di farla non voglio nemmeno avere bisogno di questi finanziamenti, voglio proprio avere la possibilità a partire. Per l’idea che ho io, non ho nemmeno bisogno di grandi... voglio fare un’azienda di servizi per cui non ho bisogno di grandi capitali, però non appena... diciamo per ora sono in un periodo un po’ di transizione, un nuovo lavoro mi devo ambientare, però è una cosa che comunque all’inizio posso gestire anche da Roma quindi la devo mettere in pratica. La devo mettere in pratica già da ora, cioè da Pasqua però non è stato possibile, quindi per l’estate comunque mi preparerò per l’anno prossimo.

E questo contratto di formazione in che cosa consiste, che stai facendo adesso a Roma? E a tempo determinato, no?

Il contratto di formazione dura due anni, é a tempo determinato per due anni, però poi in genere scatta l’assunzione dopo due anni, cioè quasi mai non ti assumono tranne che l’azienda non è in crisi o fallisce, allora che ci sono dei problemi obiettivi. Però in genere si viene assunti. E questo contratto di formazione e diciamo buono perché mentre lavori, loro ti formano. Cioè impari da quelli che già sanno lavorare lo so fare. E in più ti fanno fare durante questi anni dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento... tramite sempre... o altre aziende cioè che poi si occupano poi della formazione o all’interno dell’azienda stessa con altre persone dell’azienda che per una settimana si dedicano a fare formazione. Comunque, io, l’azienda in cui mi trovo in questo momento, mi trovo bene perché comunque ho fatto un corso e ho imparato tantissimo prima di essere assunta. E comunque ci sono buone prospettive per farne altre e per imparare molto. Anche con altri colleghi chi sono comunque tutti giovani, il mio capo progetto per il momento ha solo sui trentatré anni per cui c’ho un rapporto pure diverso, cioè non è il capo... cioè certo è una persona che comunque si fa rispettare dico io un po’ autoritaria, però nello stesso tempo c’è un rapporto umano molto valido per cui se uno ha problemi può anche dirlo e gli altri ti vengono incontro per cui... per ora mi trovo abbastanza bene.

[…]

C’era un’altra cosa, la formazione che avevi fatto qui nell’ambito del turismo

Infatti il progetto che ho in mente sul turismo, quello che ti ho detto, la mia idea imprenditoriale... Sì è stato un corso interessante finanziato anche dall’Unione europea e un po’ ho imparato alcune tecniche. Non tecniche proprio turistiche cioè come valutare la Sicilia da un punto di vista turistico proponendo degli orari particolari più che altro culturali, non il sole, mare e di seguito, ma anche... cioè qualcosa di diverso dal turista che dovrebbe scegliere la Sicilia invece di altri posti. Ed é stato molto interessante e infatti farò gli esami il due maggio di questo corso.

Ah, perché questo corso ancora non é finito?

No, il corso è finito, però gli esami non sono stati ancora fatti. Come funzionano qua le cose. Per cui li faremo il 2 maggio. E io ci tengo perché voglio l’attestato, con questo attestato attualmente potrei anche lavorare in un comune per... come consulente per il turismo, proprio fare... insomma proporre cose nuove, però non so fino a che punto è facile, fino a che punto si riesce ad entrare in questi ambiti, però... comunque è un attestato che mi interessa. Cioè io sono molto poli-etica cioè non sono l’ingegnere che ti può fare una cosa invece pure ... forse mi sto confondendo [Lachen] sono ingegnere gestionale, ho fatto qualità, ho interesse nel turismo, cioè sono diversi aspetti che forse se tu metti tutti insieme io un giorno... però per il momento...

Il tuo scopo non è per forza il posto, il famoso posto...


[Seite xxiv↓]

Ehm... no io, il posto di lavoro fisso, diciamo che non l’ho avuto mai in testa perché mi rendo conto che ormai è impossibile

Non hai mai fatto concorsi?

Volevo fare il concorso per l’insegnamento però poi siccome erano cose così assurde, che queste persone si mettessero lì a fare questo concorso a copiare i compiti e tutto il resto. Io non avevo nemmeno studiato tanto perché non è una cosa qui ambiguo, mi piacerebbe insegnare, è bello insegnare però comunque vedo che ci sono i presupposti, dovevo fare questo concorso, dove c’erano tantissime persone, non ero nemmeno preparata, allora per il momento ho deciso di non farlo. Però per il momento non ci credo nei concorsi, perché ormai ci hanno fatto capire che il posto fisso o il posto diciamo di una volta non esiste più quindi il lavoro bisogna inventarselo, bisogna riciclarsi, bisogna essere flessibili capito? Quindi ormai sono in quest’ottica, ormai nemmeno ho l’idea di fare diciamo un lavoro per tutta la vita, ma capisco che magari cambierò, farò una cosa poi ne farò un’altra e via di seguito, il che diciamo non mi dispiace tanto, perché l’idea di fare una cosa diciamo per tutta la vita, mi avrebbe stancato per il tipo che sono. Certo, non ho l’idea della sicurezza, della cosa sicura economicamente, però penso che così facendo delle esperienze comunque che posso rivendere, non dovrei avere problemi insomma di finire senza fare niente. Che sono stato sempre un tipo che mi sono adattata, mi sono trasferita per trovare lavoro, mi trasferirei in un altro posto se mi dà delle possibilità migliori, cioè non ho questi vincoli di rimanere per forza. Il mio sogno è pure di ritornare, però non ho questi vincoli per il momento. Poi certo, dopo magari può essere anche un po’ diverso, però il posto fisso, non ce l’ho, me lo sono levato della testa.

Va bene, ti ringrazio!

[Seite xxv↓]Beispielinterview 3

Der 38jährige Agrarwissenschaftler B. lebt in Caccamo, einem kleinen Ort etwa 30 km östlich von Palermo. Er ist offiziell seit etwa 20 Jahren beim ufficio di collocamento arbeitslos gemeldet und nimmt seit 10 Jahren am Beschäftigungsprogramm lsu teil. B. repräsentiert das alte Modell eines Hochschulabsolventen, der sein Studium lediglich mit dem Ziel abgeschlossen hat, um einen posto im öffentlichen Dienst zu bekommen. Hierbei ist er nicht wählerisch und der Tatsache bewusst, dass ihm eine solche Tätigkeit keine berufliche Befriedigung bringen würde. Die Vorteile eines gesicherten, unbefristeten Arbeitsplatzes mit einer guten Bezahlung wiegen jedoch die damit verbundenen Nachteile für ihn eindeutig auf, so dass sich fast alle seine Aktivitäten auf das Ziel des posto konzentrieren.

Denn obwohl B. formal arbeitslos ist und sich auch selbst als solcher versteht, ist er ein viel beschäftigter Mann: Als Freiberufler arbeitet er im agrarwissenschaftlichen Gutachterbüro seines Bruders mit, und betreibt mit diesem zusammen den landwirtschaftlichen Familienbetrieb, der jedoch weniger eine Existenzgrundlage als einen angenehmen Zeitvertreib darstellt. Für seine berufliche Zukunft möchte er um jeden Preis eine Stelle im öffentlichen Dienst bekommen, wobei er sich bemüht alle in Frage kommenden Möglichkeiten zu nutzen. Er hält auch nach 10 Jahren an seinem Status als lsu fest, weil für ihn die Hoffnung verbunden ist, eines Tages übernommen zu werden. Er nimmt an concorsi in allen Verwaltungsbehörden teil, die sich inhaltlich mit einem agrarwissenschaftlichen Studium verbinden lassen. Beim letzten concorso hat er sein Ziel nur knapp verfehlt und möchte nun versuchen, auf gerichtlichem Wege die Stelle einzuklagen, die ihm nach eigenem Verständnis auch zusteht.

Gleichzeitig arbeitet er unregelmäßig als Aushilfslehrer, um auf diese Weise Punkte für den nächsten Lehrer-Einstellungswettbewerb zu sammeln und sich somit eine weitere Option für eine Anstellung zu schaffen. Hierfür hat er auch in EU-finanzierten Projekten für Lernbehinderte mitgearbeitet, wobei auch hier nicht das inhaltliche, sondern ausschließlich das finanzielle Interesse im Vordergrund steht. Die möglichen Qualifikationen, die er während seines Studiums erworben hat, spielen für ihn keine Rolle. Für B. steht hinter dem Begriff Arbeit lediglich der posto im öffentlichen Dienst, so dass er sich selbst - trotz seiner zahlreichen Erwerbsaktivitäten und eines regelmäßigen Einkommens - immer als Arbeitsloser versteht.

Bei alledem hält B. an Sizilien fest, scheut auch das Risiko, an concorsi außerhalb Siziliens teilzunehmen, um später auf eine Versetzung nach Sizilien zu hoffen. Nach seiner Vorstellung hat er nach den langen Jahren des Wartens und der Bemühungen inzwischen einen Anspruch auf einen posto erworben. Umgekehrt empfindet er es sogar als Betrug, wenn es Freunden von ihm gelingt, über den Umweg der Versetzung eine feste Stelle in Sizilien zu bekommen.

Hai fatto durante gli studi qualche esperienza fuori, qualche esperienza di lavoro anche lavori cosi

No prima che mi sono laureato in particolare no, diciamo

e invece dopo

Dopo si, anche se non esattamente legati alla laurea. [...]

[...]

Come esperienze professionali, ho fatti dei lavori per l’AIMA [...] un’azienda per il mercato agricolo sulla rilevazione dei dati, delle aziende ecc... E ne ho fatti di due tipi anche in dei momenti molto diversi: sia dopo la laurea, sia tre anni dopo e oggi ne sto facendo un altro. [...] sto facendo rilievi per il catastro agricolo: quindi rilievi in campo, rilievi in azienda, incontri con i produttori ecc. Sempre però con pagamenti che sono ad incontro o a particella o diciamo al lavoro, diciamo. Senza partita IVA diciamo. C’ho questo lavoro per questo tempo, sono libero di farlo quando voglio e come voglio, sono responsabile di quello che faccio però il pagamento e a particelle [...] tot particelle a tredici mila lire a particella rilevata e il totale quello che faccio. Di solito questo si fa sempre sotto società di grande dimensione che hanno apparti [?] diretti con LAIMA nell’ambito siciliano. Comunque ho fatto anche un lavoro a proposito di mobilità e Gode Latte Sondrio, Sondrio vicino Milano fattellina

Vicino Milano?

Si, si. Sondrio e..., la Provincia di Sondrio, Lago di di di di Como

[...] E li quanto tempo ci sei stato?

Quindici giorni. Abbiamo concentrato tutto in due settimane

Pochissimo

Si, è stato un bel lavoro da questo punto di vista, diciamo perché avevamo determinate spese già pagate poi la tutto il lavoro che abbiamo fatto, poi la tutto concentrare al massimo perché. Cioè un lavoro che si poteva fare in un mese, noi siamo riusciti a farlo in quindici giorni, perché giustamente eravamo lontani ecc... Per niente...

E questa e stata l’unica esperienza fuori

No, si, di fuori si, da questo punto di vista. E niente... Poi altre

Poi continuando questa cronologia diciamo

Continuando questa cronologia ho saltato un poco perché era lo stesso argomento diciamo. Mi è capitato di fare quattro anni consecutivi insegnamento, uno specie di insegnamento, sono delle attività parascolastiche che si [Seite xxvi↓]svolgono nelle scuole medie ed elementari, però con un profilo un po’ particolare, nel senso che si chiamano, questi qua si chiamano “tempo d’estate”. sono dei progetti in cui si svolge in generale con i ragazzi e poi con i bambini inferiore ai tredici anni attività complementari tipo teatro, giardinaggio e pittura di, pittura su tela o su stoffa, animazione di vario genere. Quindi io avevo il mio progetto con i miei due turni di ragazzi e un collega, facevamo un corso [...] di giardinaggio pratico e teorico nel giardino che c’è nella scuola. Per quattro anni consecutivamente.

[...]

Il comune ha dato la possibilità per chi vuole avesse delle attività supplementari. Mi sono trovato casualmente con un collega che diceva „Facciamolo“ ed era una cosa cosi, e il progetto alla fine...

E questo era un lavoro ufficiale?

Si, sempre a prestazione occasionale [?] con il comune di Palermo. [...]

Palermo?

Si per me, Palermo è..., non lo considero, non lo posso considerare fuori sede, no. Non lo posso... neanche in Sicilia. Già in Sicilia non lo considero fuori sede perché diciamo ho un’attività... un agronomo si muove nel territorio. [...] Non posso dire lavoro a Palermo che sono fuori

[...]

E poi per due anni consecutivamente, l’ultimo anno è stato questo di qua e un altro progetto, però per persone adulte invece che si trovano in problemi di carattere psicologico, di carattere sociale si trovano in particolari condizioni diciamo precari o di difficoltà. Soprattutto di difficoltà di inserimento nel mondo di lavoro. Le ragazzi madri, persone che hanno avuto problemi con la giustizia e persone in qualche modo vengono considerate anche sotto un profilo psicologico subamginate [?] cioè con qualche problema di inserimento, di socializzazione ecc. E qui ci sono una serie di attività rivolte alla professionalizazzione, cioè ad indirizzare queste persone a eventuali possibilità di lavoro ma anche manuali, che so ...il restauro edilizia, restauro di mobili, tipo rebanista [?], c’è un corso di rebanista [?] e un corso nostro di esperto nel gestione del verde quindi parchi, giardini pubblici ecc. e c’erano altri più specificamente femminile... Comunque, sono progetti finanziati della CEE e sempre per il Comune di Palermo.

Sono finanziamenti della CEE?

Si, CEE che finanzia un grande progetto con il Comune di Palermo e che poi per un certo numero di anni, sono tre anni consecutivi che l’hanno fatto attiva questi corsi. E questa è stata pure un’altra possibilità. Penso che nel mio campo ne fanno tantissimi di questi corsi. E io l’ho fatto per il Comune di Palermo, ma ci sono tante società che invece attivano questi corsi della CEE per dare attività chi partecipa a questo ha un attestato. Ci sono corsi di ottocento ore che i ragazzi vengono pagati 1.200 Lire all’ora a qualcosa del genere. Io invece come docente venivo pagato se può interessare [...] 100.000 Lire all’ora lorde [...] però comprende la registrazione completa. Io con questo devo pagare [...] preparazione, diapositive, fotografie e tutto quelle che hanno i ragazzi io lo devo [...] ammonte. Certo una volta che ho fatto il primo ho avuto il vantaggio di fare corsi con la stessa ditta, allora va bene. Invece se cambiavo corso, cambiavo attività dovevo andare in... Infatti il primo anno è stato il più duro per questo motivo. Cioè, si tratta di improvvisare una cosa nuova, non è un’attività di docenza specifica sapendo di quello che si va a fare. Si va a braccio, quello che viene come...

Ma ti è piaciuta come esperienza?

Si sicuramente, anche se ci possono essere sempre... Giustamente eravamo predisposti in situazioni in cui potevamo avere persone che neanche avevano la quinta elementare per esempio. Due casi mi sono capitati del genere. Quindi insieme a persone diplomati sono venuti la. Anche se avevano la precedenza gli altri, cioè nel senso che le relatori avevano preferiti coloro che avevano quei titoli poi se c’era spazio accettano anche persone per riempire i corsi diciamo. Quindi immaginati di dover parlare con chiunque... basandoci sul pratico alla fine e sempre facile, da questo punto di vista, infatti [...]

I ragazzi che venivano al corso, venivano pagati anche loro?

Si, con una dia di orario. Mi sembra che sono 2.000 Lire l’oro

[spiegazioni sui corsi di formazione]

Invece altre esperienze di lavoro?

Ah, sì, ho partecipato anche con lavori con mio fratello anche per attività di agronomo in generale. Quindi in pratica ho dato una mano, poi gestiva tutto lui [...] Mio fratello c’ha uno studio quindi sono andato tante volte anche senza dire sto per un mese. è capitato tante volte andare in campagna far rilevare [...] studi anche di grossa dimensione, studi per la forestale per esempio [...] Si questi sono lavori particolari diciamo. Per riuscire a avere uno di questi qua ci vuole avere la mano giusta soprattutto, avere appoggi giusti, ...

E altri lavori di questo tipo...in famiglia magari...

Ah, si . C’ho l’azienda agricola. Da cinque anni a questa parte, più in particolare gestiamo un’azienda agricola, un’azienda ulivicola...

Voi come famiglia?

Si, si quindi...

Anche tuo padre

Mio padre ha avuto il ... mio padre l’ha avuto anche per il passatempo questi dieci ettari di terreno e ad un certo punto dice „Ah, la cambiamo“, visto che siamo agronomi mio fratello fa tutto un impianto di oliveto di sette ettari rotto... una buon’azienda, potrebbe essere anche un’azienda autonoma nel senso di... potrebbe dare lavoro anche a più di una famiglia da questo punto di vista, però noi siamo impegnati a altre cose e finiamo a quasi quasi tendiamo [Seite xxvii↓]mai. E comunque abbiamo fatto dall’impianto nel settimo anno e facciamo produzione ecocompattibile quindi abbiamo pure gestione da questo punto di vista comunitaria che conoscerai e stanno crescendo quindi, magari fra quattro cinque anni già ci sarà diciamo un ... dedicare del tempo perché giustamente [...?] però stanno crescendo.

Ma questo richiede molto tempo avere un’azienda propria. Come

siamo già molto specializzata, cioè non e un’azienda zootecnica, cioè non e un’azienda dove ogni giorno devi andare la e non è neanche un’azienda di seminativi come quello che ha mio padre che ci andava là per tre volte all’anno e si facevano tutte cose. Già la azienda ulivicola prevede la potatura... alcune cose oggi sono semplici da fare perché sono piccole. noi invece in quattro cinque giorni noi riusciamo a pulire queste piante anche se a pezzettini, diciamo in generale. Quindi richiede si tempo, ne richiederebbe molto di più, molte cose vanno a finire... le fanno gli operai perché non ...abbiamo nemmeno l’attrezzo equivoco [?] ecc... Mio padre si prende l’operaio per fare questo e quello. Noi gestiamo più anche la potatura e [...?] che devono dare forme, dimensione ecc. rispetto all’intenzione che sia produttiva, no? Allora tante volte. le facciamo noi, anche se ci sono piante grandi che già avevamo da bimba le facciamo fare agli operai perché la già c’è veramente da tagliare [...] lavoro strettamente manuale, giusto?

Che fa l’operaio

poi il resto del lavoro si svolge tutto durante la raccolta si devono ci sono persone ce raccolgono si devono coordinare i lavoratori, si devono trasportare queste cose ecc. frantolio, queste persone che li porta c’è chi prende l’olio, c’è chi la distribuisce quindi diciamo

questo non lo fate voi stessi

Si, no diciamo noi facciamo la vendita in linea di massima abbiamo una serie di clienti ecc. che da molti anni vengono da noi, quindi addirittura molti vengono direttamente a prenderlo qua quindi risparmiamo... Cioè sono cose che non si possono dare a fare ad altri. Comunque sia quello che dobbiamo non fare a fare a loro, lo facciamo noi. Tutto il resto lo facciamo fare in qualche modo. Voglio dire se io non ho niente da fare mi sarebbe anche grazioso farlo cioè mi piacerebbe farlo anche mettermi sul trattore e ...quando mi capita anche a mio fratello in questi giorni è stato due giorni la, si è fatto col trattore tutto un pezzo a coltivare che c’era l’erba ecc... Purtroppo non lo posso fare. Spero un giorno anche avere un po’ di tempo libero e andarlo a fare.

Invece, sei iscritto al collocamento

Si

E fai parte degli LSU

Si infatti io non lo considero un lavoro anche per questo motivo. Anche se professionalmente svolgo molte attività però sono sospeso anzi ... da due anni da questa parte faccio docenza a scuola superiore. Quindi sono stato periodicamente sospeso dalle attività dei lavori socialmente utili

Questo a Caccamo, la scuola

No, questo qua a scuola sempre al livello provinciale. C’ho insegnato a Ciminna, a Prizzi, A Corleone. [...] però io c’ho nove ore di docenza a part-time di 50% perché sono diciotto ore quelle di professionale, essendo in due scuole: una scuola un’ora e mezza da qua e l’altra a Palermo, un’ora circa, giusto per capire... tutto questo per che cosa? per una graduatoria nella possibilità di... siccome ci sono i concorsi a cattedra ti danno la possibilità sia di prendere il posto direttamente. Ma per coloro che non ci arrivano di abilitarsi se si è abilitati si ha la professione di insegnamento di scienze o all’insegnamento di... giusto? E quindi queste persone anche se sono abilitate anche se non prendono il poso direttamente possono usufruire delle supplenze ecc. Ora io non sono abilitato, faccio solo supplenze perché e da otto anni che non fanno il concorso. Ora ci è stato il concorso ho fatto gli scritti, devo ancora fare gli orali. Se non supero questo concorso, io dico scuola chiudo. Nel senso che non mi interessa perdere più tempo con la scuola, capisci? Perché comunque sia non posso aspettare altre otto anni per cominciare a chiamarmi, capisci? Ora dopo anni mi sono trovato a chiamare me in due anni consecutivamente ma... allora infatti questo è un momento un poco particolare... Ti ripeto che il discorso di perdere tempo perché faccio tutto questo, faccio andare di benzina sulle 350.000 Lire oltre al tempo che ho perso per avere indietro non meno di 900.000 Lire. Cioè io riempio pienamente quattro giorni alla settimana per un totale mensile di 400.000 Lire - 500.000 Lire. Perché il resto faccio andare di benzina e a tempo ... però in questa maniera c’ho almeno già un anno di servizio, il punteggio per un anno di servizio. Se io supero il concorso, sono abilitato con un anno di servizio, tutto questo, tutto il gioco, niente di particolare. Quindi sto lavorando per la gloria, come si dice, lavoro per la gloria, lavoro non per soldi, ma per avere un’altra strada aperta. Io c’ho tante strade aperte, c’ho... a mia moglie sempre dico, sono disoccupato però non ... non...non...non c’è niente di sicuro però cerco di tenere più cose possibili, per avere più strade possibili. Sarebbe deprimenti cioè, non ho fatto mai un giorno di disoccupato, non l’ho fatto mai - per fortuna ...e la mia capacità anche perché mi do da fare comunque però dico e... questo e il particolare. Cercare di tenere più porte aperte possibili. C’ho concorsi con ricorsi vari aspetto ancora sentenze in tribunale ancora ecc. per situazioni vari in due posti diversi... Sono cose di cui io non posso essere sicuro fino a quando non ho vinto il ricorso, non ho superato il concorso, non sono la...

Senza concorso, uno non può entrare a scuola, cioè l’unica strada per entrare a insegnare a scuola e tramite il concorso

Per entrare ufficialmente è il concorso, per lavorare no. Fino a ora, però ora è cambiato, nel senso oggi per lavorare già bisogna avere o due anni di specializzazione postuniversitaria per l’insegnamento che sono cominciati ora per la prima volta e sono iniziati quest’anno oppure avere già, avere l’abilitazione. L’abilitazione si può prendere, si prende soltanto per quest’anno per l’ultima volta l’abilitazione si può prendere con questo concorso che è un concorso per le cattedre, per affidare le cattedre alle persone che vincono, però ora che non sono fra i primi chi riescono a avere il [Seite xxviii↓]posto fanno l’abilitazione. I prossimi concorsi non ci sarò più. Ai prossimi concorsi lo possano fare soltanto coloro che fanno i due anni di specializzazione post-universitaria Quindi penso che sarà...

Tutto un cambiamento

Si, diciamo che fra l’altro i concorsi si facevano ogni due anni, questa volta si sono fatto dopo otto anni quindi c’è un sacco di persone che è nell’ambito della precarietà, persone che hanno fatto tre quattro anni già di supplenza, si sono fatti il concorso, e si potrà dire „ho fatto tre anni di supplenza, ho guadagnato quello che ho guadagnato relativamente perché sono posti un po’ scomodi come giustamente chi è l’ultimo non può scegliere e gli restano dei posti molti scomodi però dopo quattro anni di servizio alla fine si possono trovare con qualcosa tra le mani perché se non hanno superato il concorso non potranno insegnare, comunque sia. Almeno di, dico...

Invece per LSU, quanto tempo ci impieghi?

Ah, per ora sono sospeso. Si diciamo che quando, quando entro certi limiti c’è la possibilità di essere sospesi anche per evitare incompatibilità ecc... Del resto è un assegno di disoccupazione e di conseguenza non è legato almeno. Quello che davano a me lo faccio al comune diciamo e al comune nei periodi in cui non sono impegnato in scuole ecc. siamo impegnati per 80 ore settimanali , 20 ore settimanali e vengono settanta, ottanta ore mensili [...]

E fai lavori socialmente utili

Io faccio lavori socialmente utili nel senso che diciamo prendo 800.000 lire ma almeno mi dovrebbero dare 1.600.000 Lire per quello che faccio io. E sono, e quello che faccio io lo fa pure... tutto che ho sono 800.000 Lire cioè è un assegno mensile ovviamente nient’altro, giusto? Sono le mucchie, 800.000 prendo io, 800.000 prende quello che ha la terza media. 800.000 prendo io che va a finire che mi metto sempre in posti di responsabilità e che ... c’è da lavorare anche perché me lo creo io, cioè io sono molto disponibile da questo punto di vista. non mi imbosco, come si può dire no. E 800.000 Lire prende pure chi riesce a avere... diciamo a non fare niente completamente. Diciamo che questi Lavori socialmente utili ne stiamo parlando alla fine perché è l’ultima cosa della mia vita. Purtroppo ho avuto una grande possibilità offerto dai lavori socialmente utili, che è una riserva per mi pare non più di 25% dei posti messi nella regione siciliana diciamo che è una possibilità diciamo per l’inserimento di queste persone, che hanno lavorato, hanno fatto un...e quello purtroppo i concorsi per agronomi quanti ce ne sono? Diciamo che siamo in una fase in cui già le stanze si sono riempite tutte dico quando io vado in un ufficio pubblico specialmente all’assessorato di agricoltura e foreste e diciamo [...?] dove un agronomo prima va a lavorare là poi ci sono altri campi al limite ma come lavoro pubblico l’assessorato e questo di agricoltura giustamente. La devo spingere fuori qualche dipendente per riuscire ad entrare io perché non c’è posto neanche per i clienti, non c’è posto per l’utente. Perché già hanno riempito tutti i buchi possibili.

A già come posto geografico, diciamo spaziale

Si, si, si no, nel senso che cioè io ci vado per una pratica, per una cosa, no. Al lato devo buttare fuori qualche dipendente per uscire ad entrare e esprimere il mio problema. Perché nel passato questi posti sono stati riempiti in una maniera incredibile

Ma questo e a Palermo o qui a Caccamo?

No, a Caccamo non ce n’è assessorato, neanche di agricoltura. Caccamo e un territorio di 80.000 ettari ...[...] comunque ha un territorio quanto saranno dieci comuni messi insieme. [...]

[...] Non ti è mai venuto in mente di andare fuori al Nord, vicino Milano?

No io non l’ho cercato. Mi è arrivato fino a qua. E una società di Palermo, e ci siamo messi in un gruppo e siamo andati la perché di là hanno preso questo pacchetto. Era un pacchetto di lavoro da fare in quel posto. Come capita di fare altri lavori che vengono a fare qua. Io mio lavoro era di fare rilevazioni in campo, quindi diciamo che è stato per questo. No io, no io andare via no. E ti dico ti racconto la situazione giusto in generale. Io ho studiato sempre con un collega. Questo collega ad un certo punto ha avuto, abbiamo avuto la possibilità di fare un concorso per la Sardegna, di educatore agricolo in Sardegna. E una figura molto legata al territorio e all’origine - anche per farti capire come vanno le leggi - all’origine questo chi vince il concorso vince un anno e mezzo di corso di diventare esperto dell’agricoltura sarda. Con tutti gli aspetti della coltura sarda. Cioè lo stato pagava un anno e mezzo di corso, pagava uno stipendio più tutto quello che ci voleva per fare esperti giusto, poi venivano inseriti nella [...?] della regione sarda e poi distribuiti nelle varie località dove si riteneva di voler spingere l’agricoltura ecc. La Sardegna ha un agricoltura molto in espansione, il carico delle persone e molto basso c’è molta... può crescere molto la Sardegna da questo punto di vista. Niente io neanche ho fatto il concorso perché io, io già ero fidanzato, facevo già qualche altra cosa qua, sono sempre stato un po’ più legato di lui perché lui era libero di questo punto di vista. Io avevo la ragazza che già lavorava e già lavorava sul territorio. Mia moglie, ora e mia moglie e consulente di lavoro e c’aveva già la sua vita. Cioè non poteva andarsene da là, capisci, allora è stato una scelta. Non ho fatto... non ho perso neanche tempo per andare la col traghetto perché c’era da fare il concorso la. C’erano 100 partecipanti e 50 posti, no 50 partecipanti e 25 posti erano. Quindi era una buona probabilità. Non dico che l’avrei vinta però voglio dire come l’ha vinto il collega mio, l’avrei vinto proprio io

E se ne andato la

Se n’è andato là, ha fatto un anno e mezzo di corso, dopo ha fatto altri sei mesi si e no e poi in Sicilia. E cambiata la legge

E tornato

ed è tornato. La fregatura, sai qual’è? Che hanno riempito ancora di più. Vedi quelle stanze che ti dicevo, con tutti i dipendenti e assessorati, le hanno riempite ancora di più giusto perché giustamente queste persone che lavoravano in Sardegna, in Puglia, in Basilicata, in Campania, molti siciliani che avevano attività in questo... giustamente si è aperta [Seite xxix↓]la porta e sono stati buttati subito in Sicilia. Quindi sono riusciti a creare, sono riusciti a creare... non c’erano questi posti, a creare i posti per riuscire a sistemare queste persone e che c’era qualcuno a svantaggiare alla fine tutti hanno usufruito dai vantaggi a dare a qualcuno [...] Ritornando al concorso. Quando è che ti capita un concorso, c’è un concorso per dirigente tecnico forestale che mi sono fatto, con la riserva hanno fatto brutte le situazioni ...ritengo poco chiare sicuramente non legali, in conclusione ho ... abbiamo un quattro persone, ci siamo riunite abbiamo fatto quattro ricorsi diversi per una diecina di motivazioni diversi in totale. Ora ci sarà sentenza, la prima c’è stata però ...a una persona che aveva ricorso avverso al nostro comunque c’è una situazione in cui teoreticamente io sarei per ora dipendente regionale e sarei nove su 14 persone che devono prendere quindi sarei no l’ultimo, sarei a metà graduatoria delle persone che sono entrate. E ci sono persone che già da un anno e mezzo collaborano la. Persone che dovrebbero essere fuori. E siamo... siamo nei ricorsi ecc. ecc. ...che era previsto nei termini di legge ecc. però già da un anno e mezzo ... ci sarà da aspettare chi sa quanto perché già e poi a questo ricorso e le persone che eventualmente vanno fuori potrebbero fare un ricorso e poi un appello sarebbe ...in appello significa chissà quanto tempo perdere e non credo che li fanno uscire di là se non prima hanno superato l’appello giusto? Dopo che già lavorano da un anno e mezzo. Quindi per me è una cosa molto a lungo tempo, no posso stare là a aspettare questo posto. Che dici?

Lo scopo qual’è? L’insegnamento?

Scusa, sto raccontando ...

Lo scopo della vita, diciamo? C’è la possibilità di questo posto che dicevi tu adesso, alla regione?

Questo di qua sarebbe un buon posto. Non dico che professionalmente potrebbe dare moltissimo perché siamo nell’ambito del pubblico, e il pubblico difficilmente, difficilmente da un lavoro soddisfacente. Nel senso che anche ti trovi troppi vincoli. Trovi persone che possibilmente per non fare loro non fanno far niente neanche a te e oppure fai cioè alla fine vai a muovere carte capisci. Quando un professionista del genere potrebbe lavorare molto sul territorio ma con progetti di di di ...

e anche affascinante come lavoro

Si, perché andremmo a volgere questo nell’ambito dell’attività della forestale che è controllo, promozione, sviluppo e tutto quello che vogliamo nei parchi naturali, ecc. ecc. andare a coordinare le attività di questi e del gruppo territorio di questo punto di vista. Sicuramente potrebbe essere una... ma è una figura che e nata ...questi posti, questo concorso si e fatto perché c’è una legge che dice che ci devono essere tante pers... tante di gente tecniche per sviluppare le attività forestale ecc. e questo sarebbe sicuramente positivo. Però poi in effetti si sa come vanno le cose. Non è detto che poi alla fine vengono utilizzato strettamente per questo e quindi alla fine vado ad analizzare pratiche magari di [...?] oppure di rimboschimento forestale produttivo o qualche altra cosa nell’ambito dell’agricoltura, no? Però diciamo che nell’ambito del pubblico, la regione da qualche cosa in più, sono 2.400.000 Lire al mese una cosa del genere perché c’è indennita del corpo, perché siamo forze di pubblica sicurezza ecc. quindi diciamo in generale quindi può dare un riconoscimento economico migliore nell’ambito del pubblico stiamo parlando.

Invece la tua azienda...

…la mia azienda...

... non ti permette di viverci.

...non a tempo pieno. Comunque siamo io e mio fratello, non potrei disporre di tutta l’azienda. Diciamo è un... sarebbe un bel passatempo, sicuramente un bel passatempo che potrebbe ripagare anche le spese che ci si fanno. Potrebbe essere un’azienda autonoma di questo punto di vista però diciamo che... Certo se di dimensioni maggiore potrebbe svilupparsi con una cooperativa, con una cooperativa di trasformazione per esempio e quindi trasformazione come c’è prodotto biologico ecc. ecc. potrebbe avere uno [?] da questo punto di vista ma non con l’olio nostro solo, ma con l’olio anche di altre persone. C’è che siamo sempre la. uno non può riuscire a fare quello che... Cioè magari se uno a tempo a disposizione, potrebbe spendere un po’ di tempo anche per questo. Ci sono per ora grandi possibilità con Azienda 2000 di sviluppare una situazione del genere. Qualcuno forse sta facendo qualche cosa. Ho cercato anche diciamo da questo punto di vista dicendo tu hai un azienda con cui potresti partecipare... Si ma non come promotore. Io lo potrei fare veramente, con la qualifica mia potrei farlo, sia per il marketing, sia per le attività proprio di produzione e trasformazione. però non riesco a trovare tempo anche per questo. E ti dicevo quindi ho fatto l’articolo 23 ed è legato alla possibilità che mi da... e legato non per quello che mi pagano ne la possibilità di lavorare con [?] assolutamente

E come fai a vivere economicamente. C’hai la casa allora non paghi affitto. Ci sono questi soldi del LSU o delle supplenze, e poi anche la tua famiglia ti darà un po’ di soldi

No, no, no non è che non me li danno, no, no no non mi servono, non c’è bisogno. C’è mia moglie che lavora pure siamo in due, diciamo che riesco, cioè faccio cosi tante cose guarda che ... infatti il fatto di avere il cosiddetto posto fisso non e perché guadagnerei di più di quello che guadagno ora. Non li guadagnerei, sarebbe... il fatto di dover svegliarmi la mattina e pensare. Ah devo fare questo, a quest’altro devo telefonare, capisci? È una situazione. Sono comunque cose e faccio libera professione e quindi e questo il mio lavoro di libera professione. Faccio tante cose, tutte diverse e quindi capisci. Non è ne libera professione, neanche pubblico impiego, è una situazione troppo in area per ora. Un ora e mezzo di strada, guarda, alzarsi alle sei per andare a fare lezione alle otto guarda che è una cosa ... per questo ti dico. Per ora è una situazione non mi preoccupo diciamo da un punto di vista economico, ho la fortuna di darmi da fare comunque e riesco a completare un pochettino la situazione


[Seite xxx↓]

E quest’esperienza al nord che hai fatto una volta ti ha attirato come modo di vivere anche se è stato un esperienza di due settimane soltanto

Ho ritrovato, ho ritrovato, ho ritrovato una situazione anche più indietro della Sicilia, perché eravamo in montagna. Un’agricoltura...[...] Comunque quello che facevo qua, la l’avrei potuto fare anche con il grano, quindi non sono andato a fare qualche cosa diverso da quello che conosco.


© Die inhaltliche Zusammenstellung und Aufmachung dieser Publikation sowie die elektronische Verarbeitung sind urheberrechtlich geschützt. Jede Verwertung, die nicht ausdrücklich vom Urheberrechtsgesetz zugelassen ist, bedarf der vorherigen Zustimmung. Das gilt insbesondere für die Vervielfältigung, die Bearbeitung und Einspeicherung und Verarbeitung in elektronische Systeme.
DiML DTD Version 3.0Zertifizierter Dokumentenserver
der Humboldt-Universität zu Berlin
HTML-Version erstellt am:
17.02.2005